I Mondiali iniziano nel segno della Russia

I padroni di casa vincono 5-0 nell’esordio contro l’Arabia Saudita. Successo mai in discussione: reti di Gazinskyi e Cheryshev nel primo tempo, durante la ripresa i russi dilagano con Dzyuba, Cheryshev e Golovin. Domani tre partite: Egitto-Uruguay (Girone A), Marocco-Iran e Spagna-Portogallo (Girone B)

«Dobbiamo considerarci una stessa squadra, uniti dall’amore per il gioco corretto, dobbiamo provare a comprenderci l’un con l’altro per rappresentare tutta la potenza del calcio. È nostro dovere conservarla, per favorire pace e comprensione tra le nazioni». Tocca a un Vladimir Putin forse mai così ecumenico dare ufficialmente il via ai Mondiali di Calcio 2018: a Mosca, in uno Stadio Luzhniki gremito in ogni ordine di posti, si affrontano i padroni di casa della Russia e l’Arabia Saudita, guidata dallo spagnolo Juan Antonio Pizzi.

Il commissario tecnico russo Cerchesov schiera i padroni di casa con un 4-2-3-1 che vede al centro della difesa l’esperto Ignasevich, 39 anni, richiamato in fretta e furia per l’emergenza difensiva. Davanti, in appoggio a bomber Smolov, la batteria di trequartisti composta da Samedov, Dzagoev e Golovin. I sauditi si presentano in campo con un 4-5-1 che vede il solo Al-Sahlawi in avanti, supportato dalle ali Al-Shehri e Al-Dawsari. L’Arabia prova sin da subito a sviluppare un discreto possesso palla, aprendo però ai russi spazi potenzialmente letali in contropiede, considerata soprattutto la velocità delle mezze punte Dzagoev e Golovin. All’11’ Russia subito in vantaggio: Golovin pennella da sinistra un Cross che Gazinskyi, tutto solo e in torsione, devia di testa alle spalle di Al-Maiouf.

Russia Soccer WCup Russia Saudi Arabia

Putin consola il principe Bin Salman in tribuna con una stretta di mano, mentre il presidente Fifa Gianni Infantino assiste sorridente alla scena. C’è solo una squadra in campo: Russia sugli scudi, con Golovin che crea panico nelle maglie apertissime della difesa avversaria, allargando a destra per l’accorrente Fernandes che da una palla d’oro a Dzagoev, il cui tiro è deviato dal Al-Maiouf in angolo. Gli arabi sono troppo statici e si fanno vedere solo al 20’: Al-Sahlawi devia di petto un cross di Al-Sahrani deviato in angolo da Kutepov. Le difficoltà del play-maker Otayf sono palesi: la Russia rimane col baricentro basso, pronta a colpire. L’infortunio di Dzagoev non scombina i piani di Cherchesov: Cheryshev che prende il suo posto mettendosi a sinistra, mentre Golovin scala al centro. Al 42’ proprio il neo entrato sigla il raddoppio: errore difensivo saudita, il solito Golovin recupera palla e serve Zobnin che rifinisce per l’ala del Villarreal, bravo a vincere un rimpallo e spedire la palla alle spalle del portiere avversario.

La ripresa comincia con la botta di Samedov al 51’e una Russia che prova subito a ribadire il suo predominio territoriale. Quattro minuti dopo occasione Arabia Saudita, col cross da destra di Al Burayik su cui non arrivano né Al-Sahlawi, né Al-Jassim: campanello d’allarme per i padroni di casa che tirano un po’ il freno a mano. Pizzi prova ad alzare il baricentro dei suoi inserendo Al-Muwallad, mentre Samedov lascia spazio a Kuziaev. Al 67’ il tiro di Zobnin da dentro l’area mette alla frusta Al-Maiouf che, pur in maniera non ineccepibile, sventa il pericolo. Cherchesov, poi, indovina il secondo cambio: dentro Dzyuba per Smolov, con la punta ex Zenit che segna subito. Ennesimo assist al bacio di Golovin che trova il gigante russo pronto a deviare di testa in rete per il 3-0.

Denis Cheryshev

Il suo dodicesimo gol in nazionale chiude praticamente il match, anche se la Russia non si ferma: allo scoccare del 90’, infatti, Cheryshev firma la sua personale doppietta sfruttando al meglio un assist di Dzyuba e battendo Al-Maiouf con un delizioso esterno sinistro a giro. C’è ancora tempo, infine, per inserire nel tabellino dei marcatori anche il talentuoso Golovin che, al 93’, batte divinamente una punizione dal limite, col pallone che a fil di palo si insacca per il definitivo 5-0. Neanche la Russia, probabilmente, si sarebbe attesa un esordio così scoppiettante e convincente: la speranza è che questa partita costituisca l’antipasto di un Mondiale ricco di spettacolo e grandi giocate.

 

Tabellino:

Russia-Arabia Saudita 5-0

Marcatori: 11’ Gazinskyi, 42’ Cheryshev, 71’ Dzyuba, 90’ Cheryshev, 93’ Golovin

Russia (4-2-3-1): 1 Akinfeev; Fernandes, 3 Kutepov, 4 Ignasevich, 18 Zhirkov; 8 Gazinskiy, 11 Zobnin; 19 Samedov (63’ Kuzyaev), 9 Dzagoev (23’ Cheryshev), 17 Golovin; 10 Smolov (70’ Dzyuba). Ct: Cherchesov.

Arabia Saudita (4-5-1): 1 Al-Maiouf; 6 Alburayk, 3 Osama Hawsawi, 5 Omar Hawsawi, 13 Al-Shahrani; 8 Al Shehri (71’ Sultan Babir), 17 Al-Jassam, 14 Otayf (63’ Al-Muwallad), 7 Al-Faraj, 18 Al-Dawsari; 10 Al-Sahlawi (85’ Mohanad Asiri). Ct: Pizzi.

Ammoniti: Golovin, Al-Jassim

Spettatori: 78011

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons