Un gioco di squadra

Maxime Mbanda, rugbista della Nazionale, e la sua esperienza di volontariato a bordo delle ambulanze

«Il rugby è collaborazione, coesione, rispetto, sostegno. Valori che mi hanno formato, mi hanno aiutato a dare il meglio non solo per me, ma per la collettività». A parlare è un ragazzone di un metro e 89 per 102 kg, terza linea delle Zebre e della Nazionale. Si chiama Mata Maxime Esuite Mbanda, è nato a Roma 27 anni fa…

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons