Il Nobel della pace è anche italiano

Video intervista di Città Nuova al professor Maurizio Simoncelli, cofondatore dell'Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo e autore del dossier "Disarmo" allegato a Città Nuova di ottobre e dedicato alle questioni della pace e della guerra nel XXI secolo.
EPA/TIM WRIGHT / ICAN

foto-simoncelli-8Intervista integrale, rilasciata prima della decisione del comitato norvegese da Maurizio Simoncelli, cofondatore dell’Istituto di ricerche internazionali Archivio Disarmo, che, con Rete italiana disarmo, è parte di ICAN, la Campagna Internazionale per la Messa al Bando delle Armi Nucleari premiata con il Nobel per la pace 2017.

Grazie a tale mobilitazione su scala mondiale, lo scorso 7 luglio l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato con 122 favorevoli, 1 contrario e 1 astenuto il Trattato per la proibizione delle armi nucleari che diventerà esecutivo al raggiungimento di almeno 50 ratifiche.

L’impegno di parte della società civile italiana contrasta con il voto ufficiale del nostro Paese che non ha sostenuto il trattato votato dall’Assemblea Onu e ratificato immediatamente dalla Santa Sede.

Leggi anche

I più letti della settimana

Sommario

Altri articoli

Simple Share Buttons