I capolavori viaggiano

Lorenzo Lotto, l’emarginato tra i grandi, torna a Venezia
Lotto: Sacra Conversazione di Maria col Bambino fra i santi Tommaso e Caterina d’Alessandria

Ormai è abituale. I capolavori dei grandi maestri escono da musei e chiese, e viaggiano per mostre, un po’ dappertutto. È successo, come uno degli ultimi esempi, con il Seppellimento di santa Lucia del Caravaggio trasportato, pur tra polemiche, da Siracusa al Mart di Rovereto in dialogo con Burri e Pasolini.

E succede – durerà fino al 17 gennaio – con la Sacra Conversazione di Maria col Bambino fra i santi Tommaso e Caterina d’Alessandria di Lorenzo Lotto che dal Kunsthistorisches Museum di Vienna è tornata a Venezia alle Gallerie dell’Accademia.

Perché parlare di quest’opera così lontana nel tempo, anni 1528-1530? Perché la tela di quell’uomo straordinario e religiosamente inquieto come Lorenzo è qualcosa di estremamente attuale. Lotto è un artista irrequieto, un emarginato tra i grandi del suo tempo – Raffaello, Correggio, Tiziano, Michelangelo –, però non inferiore a loro. Lavora in provincia, nelle terre bergamasche o marchigiane.

È un introverso, non è un facile ottimista. Il suo tempo non è dei più felici: la rivoluzione luterana, il Sacco di Roma, guerre e malattie. Tutto ciò entra nella sua anima, lo ferisce, l’inquieta e traspare dalla sua opera.

Qui in uno dei prati dolci e fioriti tanto amati, sta Maria che offre il Bambino alla santa pensierosa e a Tommaso in adorazione affettuosa. Siamo in estate, una di quelle estati che dovrebbero essere serene con i monti lontani velati da chiarori, la grande quercia sotto cui siede la Vergine, anche lei pensierosa. Un angelo la incorona di fiori di campo. I colori sono affascinanti, elettrici, raffinati nella veste della santa e in quell’azzurro dell’abito di Maria: l’azzurro unico, tipico del solo Lotto.

Paragonata alle Sacre Conversazioni di Tiziano, aperte solari ottimistiche e a quelle placide, tranquille di Palma – i grandi contemporanei –, la tela del Lotto appare invece attraversata da un sottile velo di malinconia.

È come se nel gruppo fossero riposte le ansie di una generazione che vive un dramma, conosce la paura e l’angoscia. Lorenzo è un artista che entra nell’anima, scava, trasferisce la propria inquietudine e quelle del suo tempo nel soggetto sacro. Vuole dire che i nuovi eroi cristiani, i santi, non sono irraggiungibili, come quelli di Michelangelo e Raffaello, ma condividono la medesima esperienza di chi vive ancora in terra.

Un brivido di luci passa tra i personaggi in ritmi irrequieti e dona all’insieme una tensione emotiva a stento frenata. È nell’angelo con la sua grazia nervosa il punto di partenza per entrare nella tela dai colori fulgenti e freddi, dai sentimenti accesi ma sussurrati, in una mestizia sospesa. È trepidazione di un coro campestre che dialoga nell’animo da solo e insieme.

Nel nostri giorni insicuri e dubbiosi, la tela lottesca dialoga nel museo veneziano con il Ritratto di giovane – sempre di Lorenzo –, misterioso e pallido, in un autunno di tempeste e di petali sparsi, doloroso quant’altri mai.

Eppure la trepidante Conversazione di Vienna non chiude alla consolazione. L’angelo-ragazzo che incorona Maria la rende ancor più madre vicina agli uomini, riflessiva sulle sorti umane – come farà anni dopo il Caravaggio a Napoli nelle Sette opere di misericordia –, ma qui meno irruenta, perché discreta, semplice, riservata. Come il Bambino che rassicura i due santi, cioè noi, con un piccolo gesto benedicente che dà coraggio.

 

Leggi anche

Grandi restauri
Il naso di Dante

Il naso di Dante

di
Arte
Mostre fotografiche

Mostre fotografiche

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

I miei segreti

Draghi, la Libia e i migranti

Come essere autentici

Altri articoli

Cosa significa salute

Gocce di Vangelo 15 aprile 2021

Simple Share Buttons