Lorenzo è volato in cielo

La sua mamma lo scorso mese aveva fatto un appello: «Non lasciatelo solo!». Perché la solitudine è, molto spesso, peggiore anche di una malattia terminale. I giovani del Movimento dei Focolari di Palermo si stavano accordando per un pacco regalo. Non hanno fatto in tempo…
(AP Photo/Rahmat Gul)

Francesca Ferri di Bologna, un mese fa, aveva lanciato – tramite alcune testate giornalistiche e social – un appello per il figlio affetto da tumore osseo. Nessuna raccolta fondi per tentare terapie inedite, né per denunciare la malasanità, ma la richiesta di aiutare suo figlio a sconfiggere la solitudine del momento, confortandolo con lettere, a lui indirizzate, che parlassero di quotidianità e pezzi di vita da condividere.

In un mese sono arrivate centinaia di letterine e cartoline da ogni parte d’Italia. Anche la sottoscritta si è trovata a scriverne una, ma non cartacea come voleva la mamma, né a Lorenzo come sarebbe stato giusto che fosse. Un piccolo messaggio, per Francesca, nella messaggeria di Facebook, proprio il giorno, Dio-incidenza, del compleanno del piccolo (10 novembre), perché l’auspicio era, in realtà, di preparargli, coinvolgendo tanti giovani del Movimento dei Focolari di Palermo, un grande, sentito, pacco regalo. Se ne parlava da giorni…

Non si è fatto in tempo! Lorenzo è salito in cielo. A darne la triste notizia la sua mamma, che scrive che alle 2,22 del 22/11/22 il bambino si è addormentato tra le sue braccia, sereno. E che in questi giorni non ha smesso di ricordarle: «Mamma, ti amo».

«Vorrei poter dire – scrive Francesca – che è stato tutto semplice ma, nonostante la sua voglia di vivere immensa fino alla fine, la situazione da venerdì era peggiorata tantissimo. Parlerò a nome suo, sono sicura che Lorenzo abbia vissuto l’ultimo mese della sua vita dentro a un sogno, nonostante il dolore fisico. Grazie a tutti quelli che gli hanno voluto bene, grazie all’amore immenso che ha sentito da parte di un mondo intero».

Da più parti sono giunti ai genitori di Lorenzo, ancora messaggi di condoglianze. Benché non sia semplice trovar parole adeguate, anche noi, di Città Nuova, ci uniamo al loro dolore, e all’incredulità di questa vita, che par strapparti alle volte ogni gioia.

Un genitore, può, forse, comprendere che quel figlio andato in cielo anzitempo era un angelo, giunto per un breve periodo per spiegare a tutti che l’autostrada per il Cielo si percorre con amore, amicizia e fede. A presto, Lorenzo!

Chiunque voglia indirizzare ai suoi genitori, un messaggio di solidarietà o amicizia, il loro indirizzo: Bastelli Lorenzo – Via Berlinguer 71/B – 40024 Castel San Pietro Terme (BO).

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

I più letti della settimana

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

Lorenzo è volato in cielo

Donne in lotta contro le violenze maschili

Inverno

Scende in campo il Generale Inverno

Simple Share Buttons