The Crown, cioè l’Inghilterra

Quarta e penultima stagione di The Crown con protagonista la prinicpessa Diana. Intrighi, cattiverie, politica si intrecciano, ma il cuore non alberga a Buckingam Palace. Girata con invidiabile precisione, bellezza fotografica e naturalistica, la serie è caratterizzata da un’aria inquieta, scostante, elettrica.

La quarta stagione di The Crown, la seguitissima serie su Netflix, è in onda dal 15 novembre. Val la pena vederla o è meglio riposarsi dalle tragedie, anche comiche, dei reali inglesi che tuttora contano milioni di fan? Si può vedere a patto di considerare che le vicende hanno la loro parte romanzata che ad alcuni non può piacere perché la verità non è sempre come raccontano le fiction, tant’è vero che i reali si sono infuriati e il principe William sta facendo causa per salvare la memoria della madre.

Sì, perché la principessa Diana è la protagonista dell’ultima stagione. Interpretata da Emma Corrin, che nonostante la buona volontà appare piuttosto smarrita nei panni di una donna tanto fascinosa che si trova a dividere Carlo, che ama, con l’amante di lui, Camilla. In mezzo, il rapporto spinoso fra la regina (una perfetta Olivia Colman) e la lady di ferro Margareth Thatcher (altra straordinaria Gilliam Anderson), guerre incomprensibili e tragicomiche come il conflitto con l’Argentina per le isole Falkland, difficoltà economiche del Paese, attentati dell’Ira, e la chiusura della famiglia reale che nasconde scandali e cattiverie per «salvare la corona». Il cuore non ha posto a Buckingam Palace. Diana reagisce malamente, adora i figli, litiga con Carlo, si fa un amante ed è incompresa dalla regina. «Tu e Diana siete viziati e immaturi», apostrofa Elisabetta il figlio Carlo, dimenticando che lei stessa è incapace persino di un abbraccio, tanto è compresa nel suo ruolo di madre dell’Impero e della famiglia.

Girata con invidiabile precisione, bellezza fotografica e naturalistica, la serie è caratterizzata da un’aria inquieta, scostante, elettrica. Non c’è gioia, nessuno è veramente felice ed i reali sembrano dimenticarsi la realtà, appassionandosi di caccia e di gare equine. Vivono fuori del tempo e dello spazio, tanto che parecchi, allora come ora, si chiedono se serva mantenere in vita una simile monarchia. Diana comunque, se è infelice nel privato, diventa una icona mondiale grazie al suo indubbio fascino, che unisce grazia a naturalezza, con ovvie gelosie a corte, specie da parte di Carlo, un uomo frustrato e sensibile, bisognoso di un affetto che i genitori reali non gli hanno mai mostrato. L’infelicità di tutti – Thatcher compresa – appare essere il filo rosso della saga. Rimangono solidi solo Elisabetta, imperturbabile, e Filippo, ironicamente rassegnato al ruolo di principe consorte. In attesa della quinta ed ultima puntata.

Leggi anche

Televisione
Leonardo, la fiction

Leonardo, la fiction

di
In punta di penna
Il nuovo trionfo della radio

Il nuovo trionfo della radio

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons