Tempo di Estate

Una volta trascorse le nostre brevi ferie, dobbiamo organizzarci per sistemare i bambini, visto che lavoriamo. Sto pensando di mandare per la prima volta la più grande di 7 anni in colonia estiva. Nonostante abbia avuto buone garanzie sull’associazione che la gestisce, ho come la sensazione di aver sbagliato, pensando ai rischi, alla lontananza… Come superare i timori e approfittare al meglio di questa necessità?. Lucia – Mn Il periodo di vacanza con la famiglia è molto importante perché offre l’occasione di riscoprire un rapporto nuovo fra tutti nella gioia di stare insieme. Tuttavia, fa presto a passare. Sono tante le famiglie nella vostra situazione in cerca di un ritrovo per i figli. Amicizie, parentele possono offrire alle volte preziosi momenti di compagnia. Ci sono anche centri estivi, campi, colonie, organizzate dai comuni, da parrocchie o movimenti che danno l’opportunità di fare qualcosa di significativo. Gran parte della nostra educazione, infatti, è avvenuta fuori dalla scuola e dalla famiglia. Si può dire dunque, che organizzare il tempo estivo dei bambini, non è solo un puzzle difficile da comporre, ma è una chance formativa di crescita globale della persona. Nelle varie esperienze, ci si abitua ad essere autonomi, a responsabilizzarsi, a stare con gli altri, a muoversi in libertà a contatto con la natura. Certo, occorre prima informarsi bene, come avete fatto voi, per scegliere l’iniziativa più adatta in base agli interessi, all’età e al carattere del bambino, ascoltando anche i suoi desideri. Può aiutare fare la prova di dormire fuori casa, per esempio da un amichetto. Dopodiché per consentire a tua figlia di cogliere tutta l’opportunità della proposta che le offrite, è necessario darle fiducia, pagando la moneta del distacco e della preoccupazione. Se sente la serenità dei genitori, sarà molto aiutata. Per questo è bene fare lo sforzo di controllare l’ansia e i timori, valorizzando le sue capacità e il valore dell’esperienza. Un’amica mi raccontava che i suoi primi campi scout sono stati i momenti più belli e costruttivi della sua giovinezza. In quelle occasioni, come in altre, ci si apre alla fraternità, si sviluppa un’educazione all’ambiente, si impara ad adeguarsi con disinvoltura alle regole, a non spaventarsi davanti ai propri limiti. Montavamo noi le tende – ricorda -, riempivamo con la paglia i materassi, andavamo a lavarci al torrente e si cucinava: piccole cose che ti costruiscono. Camminando nei boschi, imparavamo ad ascoltare il silenzio e in esso il cinguettio degli uccelli, il fruscio del vento e un senso di infinito. Una sera, intorno al fuoco, mi accorsi che una ragazza francese aveva freddo e le ho dato il mio maglione, anche se non la conoscevo. In quel momento pensai come sarebbe bello, se un giorno tutto il mondo diventasse così. Crescere un figlio è un po’ come far volare un aquilone: all’inizio bisogna correre forte, tenendolo ben stretto nella mano. Ma dopo, bisogna affidarlo alla forza del vento, allungando il filo. Spaziofamiglia@cittanuova.it

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Voglia di potere

Simple Share Buttons