Consumi

Europa, polemica sull’etichetta del vino

La manovra irlandese sull'imposizione di un'etichettatura salutista sulle bottiglie di vino spaventa la Coldiretti: si mette a rischio il fatturato criminalizzando un prodotto indipendentemente dalle quantità consumate

Foto Marco Alpozzi/LaPresse 30 Novembre 2022 Langhe (Cuneo) - Italia - Cronaca - Vista generale in autunno delle vigne nelle Lange nei dintorni del Castello di Serralunga d'Alba

November 30, 2022 Langhe (Cuneo) - Italy - General view in autumn of the vineyards in the Langhe countryside, near the Serralunga d'Alba castle

Il blitz irlandese sulle etichette allarmistiche sul vino va fermato per difendere un prodotto simbolo del nostro Paese che è anche il principale produttore ed esportatore mondiale con oltre 14 miliardi di fatturato (di cui più della metà proveniente dall’estero) e dà lavoro dal campo alla tavola a 1,3 milioni di persone. È quanto afferma la Coldiretti dopo che l’Irlanda ha notificato all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) le norme tecniche sull’etichettatura “salutista” degli alcolici, da applicare a tutti i prodotti alcolici venduti in Irlanda, siano essi prodotti localmente o importati. Il provvedimento è stato preso nonostante i pareri contrari di Italia, Francia e altri sette paesi Ue, che lo considerano uno sbarramento al mercato interno. Il periodo per la presentazione delle opposizioni scade tra 90 giorni.

Dopo l’autorizzazione da parte dell’Ue, Dublino vuole il nullaosta dal Wto per adottare un’etichettatura aallarmistica su vino, birra e liquori come “il consumo dell’alcol provoca malattie del fegato” e “alcol e tumori sono direttamente collegati”, avvertenze che non prendono in considerazione la quantità di prodotto consumato come causa di eventuali effetti nocivi.

«È del tutto improprio assimilare l’eccessivo consumo di superalcolici tipico dei Paesi nordici al consumo moderato e consapevole di prodotti di qualità a più bassa gradazione come il vino», afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, che per questo aggiunge: «il giusto impegno dell’Unione per tutelare la salute dei cittadini secondo la Coldiretti non può tradursi in decisioni semplicistiche che rischiano di criminalizzare ingiustamente singoli prodotti indipendentemente dalle quantità consumate». (Foto: LaPresse)

Guarda anche

Attualità
Torino: operazione strade sicure

Torino: operazione strade sicure

A cura di
Spazio
La Cina nello spazio

La Cina nello spazio

A cura di

I più visti della settimana

Islam
È iniziato Eid al-Fitr

È iniziato Eid al-Fitr

di
Inquinamento
Tempesta di smog a Pechino

Tempesta di smog a Pechino

di
Religioni
Il mese sacro dell’Islam

Il mese sacro dell’Islam

di
Ambiente
Bufera di neve in California

Bufera di neve in California

di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons