Il Genfest Italia con il Sinodo dei giovani

L’assise presinodale redige il documento finale da consegnare a papa Francesco. Contemporaneamente fervono i preparativi del Genfest, nazionale e internazionale, che offre il suo specifico contributo nel cammino verso il Sinodo

Coraggio, scelte, senso di vuoto, dubbio, precarietà, verità e menzogna, proposte… sono solo alcune delle espressioni ricorrenti nelle domande e nelle dichiarazioni dei giovani provenienti da tutto il mondo e riuniti a Roma per esprimere a voce alta il loro pensiero in vista del prossimo sinodo. Parole che trovano eco anche nella domanda di fondo attorno a cui ruota la preparazione del Genfest Italia: quando la precarietà la fa da padrona, ha ancora senso per un giovane proporre una controcultura fondata sul bene comune e desiderare di spendersi per gli altri?

fb-image_link

C’è questo dietro “BEYOND ME”, oltre i propri confini, il titolo scelto per l’evento che il 1° maggio radunerà migliaia di giovani a Loppiano, la cittadella internazionale dei Focolari, e speciale punto di incontro per i giovani italiani. Pochi giorno dopo, il 10 maggio, i suoi abitanti avranno la gioia di accogliere papa Francesco in persona nella stessa mattinata in cui visiterà anche la comunità di Nomadelfia.

 

Il team di giovani impegnato nella preparazione ha setacciato l’Italia da nord a sud, a caccia di storie che avessero due caratteristiche principali: la concretezza del “dare la vita per gli altri” e l’impatto innovativo sulla società. Esperienze quindi che non rimangono isolate dentro il confine personale, la sfera privata, ma operano un cambiamento, piccolo o grande, attorno a chi le vive. Sono storie che per tanti affondano le radici nell’incontro personale con Dio che ha trasformato la propria vita, e permesso di superare le paure aprendosi ad un orizzonte di fiducia e speranza. Per altri si tratta di un vissuto all’insegna dei valori di solidarietà e di impegno di diversa ispirazione culturale.

L’esperienza che i giovani dei Focolari propongono al Genfest si snoda in tre passi:

  1. conoscere i propri confini: chi sono e come sono nel mondo, i propri dolori, il senso di precarietà e la scarsa facoltà di intervenire sulla società e sulle scelte;
  2. uscire da sé stessi e diventare agenti di cambiamento;
  3. uscire dalla propria comfort zone e andare verso l’altro, nella società, facendo esperienze per l’umanità e trasformando attivamente il contesto sociale in cui si è inseriti.

 

5 blocchi tematici, che corrispondono ai 5 sensi, abbinati a 5 colori e a 5 elementi naturali, daranno spazio a un mix di generi – festa, musica, storie, spiritualità – per portare un unico messaggio: diventare responsabili di sé stessi e del mondo. E così ascolteremo la voce di Roberto di Amatrice, a confronto con l’esperienza del terremoto e da lì la storia di un’associazione che ha dato vita ad un laboratorio dinamico del territorio per rianimare i luoghi colpiti dal sisma; il racconto di George e Michel, giovani siriani che hanno ancora nelle orecchie il rumore degli spari. A questo si collega il lavoro di tanti dal basso per un’economia disarmata e l’impegno per l’applicazione della legge che vieta la vendita di armi ai Paesi in guerra. E poi le storie di chi si è dovuto confrontare con il limite della disabilità, e ha dimostrato con le proprie scelte come un ostacolo può davvero diventare una pedana di lancio: è l’esempio di Marco Voleri, autore di Sintomi di felicità che fa musica di qualità e sensibilizza il pubblico sul tema della Sclerosi Multipla. Altri che con fantasia e coraggio hanno dato vita a piccole o grandi realizzazioni: Balobeshaiy, per facilitare l’integrazione dei migranti negli spazi urbani, Youaid, come ponte con la Tanzania che ha portato alla costruzione di una scuola. E altri ancora.

È con questo percorso che il Genfest Italia desidera offrire al Sinodo dei Giovani il proprio contributo di domande, riflessioni, storie. È un cammino che si vuole fare insieme a tutta la Chiesa per poi ritrovarsi l’11 e il 12 agosto, con i giovani italiani a Roma attorno a papa Francesco.

Il Genfest Italia “Beyond Me” è la tappa italiana verso il Genfest mondiale, dal titolo “Beyond all borders” che si svolgerà a Manila dal 6 all’8 luglio 2018 (info: http://y4uw.org/it/events/genfest-2018/).

 

Info e prenotazioni:

www.genfestitalia.it

Partecipa alla discussione con l’hashtag #beyondme e condividi i contenuti del social wall. SEGUICI!

FB | http://www.facebook.com/primomaggioloppiano/

IG | https://www.instagram.com/1maggioloppiano/

TW | https://twitter.com/1MaggioLoppiano

Youtube | https://www.youtube.com/channel/UCx23VLGBlLeqvKsgAFSzk-A

 

SOSTIENI IL GENFEST ITALIA CON UNA DONAZIONE

https://www.gofundme.com/gen-fest-italia

 

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons