Appuntamenti

MOSTRE Espressionisti Oli, tempere, incisioni, acquarelli, sculture: circa 150 opere del movimento artistico che ha segnato la storia dell’arte europea del secolo XX.Autori come Kandisky, Kirchner, Nolde,Grosz. Gli Espressionisti, 1905-1920. Roma, Vittoriano, fino al 2/2/2003 (catalogo Mazzotta). Ryan Mendoza 30 opere, la maggior parte di grandi dimensioni, dell’artista americano che ha scelto di vivere a Napoli. L’opera di Mendoza è una pittura- cronaca che diventa storia. L’artista racconta di uomini contemporanei che si propongono come emblemi dell’attuale società. Ryan Mendoza “almost american”. Napoli, Castel Nuovo, fino al 10/12. Antonio Corpora Schivo e con un volto intenso e malinconico segnato dalla mediterraneità e dalla nostalgia di una felicità e natura perduta, con un passo leggero e però anche sfuggente, Corpora (nato nel 1909) ha conosciuto e padroneggiato come pochi la grande tradizione artistica tra Otto e Novecento. L’astrazione lirica di Corpora. Dipinti e acquerelli dal 1944 al 2002. Giulianova (Te), Museo d’arte dello Splendore, fino al 12/1. Julius Bissier In 83 opere l’itinerario di ricerca percorso da Bissier dalle prime esperienze riferibili alla “Nuova oggettività” (1923-1928) per poi proporre gli schizzi di viaggio e le chine simboliche (1931-1942) i “Tarnbilder” (1935-1942), le monotipie (1947-1948), le chine gestuali (1946-1964) e le tempere e gli acquerelli che siglano con risultati di altissimo livello lirico gli ultimi anni della sua vita (1956-1965). Julius Bissier. Opere dal 1923 al 1965. Bologna, Museo Morandi, Palazzo d’Accursio, fino al 31/1. Museum in progress La mostra della Galleria continua di San Gimignano (Si) vede il coinvolgimento di museum progress e la presentazione dei lavori di Deimantas Narkevicius, Michelangelo Pistoletto e Jeff Preiss. Per l’occasione gli artisti hanno realizzato opere in esterno che si inseriscono nella vita quotidiana degli abitanti con lavori che utilizzano i mezzi della comunicazione di massa. Questi interventi, che proseguiranno oltre la durata della mostra e per un anno intero, saranno parte del panorama cittadino. Gemme & ceramiche Tre rassegne di “arti applicate”: stampe, ceramiche ed armi, con pezzi straordinari dall’antichità ad oggi, in un percorso espositivo ricco di suggerimenti e richerche. Gemme ceramiche stampe armi dei Musei civici. Padova, Musei civici agli Eremitani, fino al 2/2/2003 (catalogo Il Poligrafo). Fotografi di scena 100 scatti concentrati sulle produzioni dell’ultimo decennio del cinema italiano a sottolineare l’apporto fondamentale che questa figura professionale e artistica dà non solo alla memoria del cinema, ma anche e soprattutto alla sua promozione. Tra gli autori più rappresentativi Gianfranco Salis, Philippe Antonello, Sergio Strizzi, Angelo Raffaele Turetta. 100 scatti per il cinema italiano. Il lavoro artistico del fotografo di scena 1990-2002. Torino, Fondazione italiana per la fotografia, fino al 12/1. Incontri reali A Bolzano un’esposizione di capolavori dell’arte italiana appartenenti alle collezioni di tre grandi realtà museali d’Italia: il Museo nazionale di archeologia di Taranto, il Museo di Capodimonte di Napoli e la Galleria comunale d’arte moderna e contemporanea di Roma per riscoprire nei secoli tappe fondamentali della storia dell’arte. Il primo sarà ospitato da Castel Roncolo (fino al 6/1); il secondo dal Museo civico (fino al 24/11); e il terzo dal Centro Trevi (fino al 29/11). La collezione Estorick Quella di Eric e della moglie Salome è considerata la raccolta più importante, all’estero, di arte italiana del Novecento. Sociologo, amico del fotografo Alfred Stieglitz, Estorick amava specialmente i futuristi. In mostra un centinaio di opere fra cui tele di Carrà, Boccioni, Balla, Severini. Estorick Collection of modern italian art, Londra. Genova, Palazzo Ducale, fino al 12/1.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons