Appuntamenti

Mostre Mirko a Matera 50 disegni, 80 sculture di grande fascino interiore, audaci, tese ad un equilibrio architettonico che non cancelli la trasognata leggiadria della forma, contrapponendo iconografie primitive e esperienze contemporanee, totem e guerriero, demoni ed eroi, mito e favola, arte tribale e avanguardia. Mirko. Udine 1910 – Cambridge (Usa) 1969. Chiese rupestri Madonna delle virtù e San Nicola dei greci.Matera, fino al 14/10. Costumi di scena Una mostra, incontri seminari e una rassegna video dedicati al costume di scena attraverso gli storici allestimenti del Teatro dell’Opera di Roma per evidenziare il rapporto che l’arte pittorica e l’arte plastica hanno intrattenuto con l’arte del costume di scena. Armonie del ‘900. Roma, Casa dei Teatri, fino al 5/8. Jan Fabre Tra gli eventi collaterali della 52° Biennale d’Arte di Venezia, la ricerca dell’artista fiammingo nella sua molteplicità spaziando dalle sculture ai film, dai disegni alle istallazioni. Jan Fabre. Anthropology of a Planet. Calle Benzon, Venezia, Palazzo Benzon, San Marco 3972, fino al 23/9. Vermeer Un solo dipinto La ragazza alla spinetta bast per una rassegna straordinaria sul pittore di Delft. Vermeer. Modena, Foro Boario, fino al 15/7 (cat. Giunti Arte Mostre Musei). Bruce Nauman Tra i maggiori esponenti dell’avanguardia degli anni Sessanta e Settanta, Nauman ha realizzato sculture, performances, video, film e ambienti che ancora oggi influenzano i giovani artisti del mondo intero. Una rosa non ha denti: Bruce Neuman negli anni Sessanta. Castello di Rivoli, fino al 9/9. Carol Ross L’arte della scultrice newyorchese è una sintesi creativa di geometria e riferimenti al mondo naturale. Sculture astratte, a grandezza naturale applicano l’idioma industriale di acciaio inossidabile e profili taglienti a una gamma di forme ricche di allusioni figurative e paesaggistiche. Hortus conclusus. Venezia, Spazio Thetis, Arsenale Novissimo, fino al 21/11. Ori dei Cavalieri Dall’Ucraina 350 tesori dalle sepolture monumentali di oltre 2000 anni fa. Ori dei cavalieri delle steppe. Trento, Castello del Buonconsiglio, fino al 4/11 (cat. Silvana Editoriale). Paolo Pellegrin I diversi piani su cui Pellegrin si concentra nel suo lavoro – umanistico, politico, storico, estetico – si trovano nelle oltre 100 immagini: da quelle sul dilagare dell’Aids in Uganda del ’95, alle guerre in Bosnia, Iraq, Afghanistan, Libano e ancora Guantanamo e la morte di Giovanni Paolo II. Un ampio spazio è dedicato al conflitto israelo-palestinese. Paolo Pellegrin Broken Landscape. Roma, Museo di Trastevere, fino al 9/9. In Scena Alla casa del Jazz Torna la stagione estiva (fino al 31 luglio) della Casa del Jazz di Roma: grandi trombettisti, big americani e italiani, nuove star della scena di New York, nuove voci americane, voci mediterranee e giovani leoni. Fra questi Gato Barbieri, Dave Liebman,Maria Pia De Vito, Doctor 3, Aaron Goldberg, Elena Ledda, Alboran Trio. E un’esclusiva produzione: il Rava Days, tre appuntamenti con Enrico Rava con tre diversi progetti.

I più letti della settimana

A proposito di Suicidio Assistito

Matrimonio, divorzio e figli

Strappare lungo i bordi

Natale cancellato per decreto?

Mi prendo cura

Simple Share Buttons