The artist

Cinema muto in bianco e nero per raccontare il dramma di una star del ’27, superata dall’avvento del sonoro.
The artist
Cinema muto in bianco e nero per raccontare il dramma di una star del ’27, superata dall’avvento del sonoro, e di una giovane fan, attrice, adeguatasi alla novità. In questo film originale il regista Hazanavicius tocca corde profonde, suscitando simpatia, tenerezza e commozione. Solo attraverso immagini, espressioni facciali e gestualità. Sono smorzati i toni cupi ed esaltati i sentimenti gioiosi. Con ironia e gag divertenti, come quelle comiche di un bastardino, che risolvono situazioni difficili. Convince la genuinità di questa storia d’altri tempi, nella quale è mostrato un amore vero, capace di prendersi cura di un amico dimenticato da tutti.

 

Regia di Michel Hazanavicius, con Jean Dujardin, Bérénice Bejo.

 

Valutazione della commissione nazionale film: consigliabile, poetico (prev.).

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons