“Sarò sempre con voi”

È la promessa di Gesù di restare con la chiesa in cammino “fino alla fine del mondo”, come Signore del mondo e della storia, come colui che ha vinto il mondo
ANSA/WEB

Secondo il Vangelo di Luca, l’ultimo atto della vita di Gesù fu condurre gli Undici fuori Gerusalemme, verso Betània dove, mentre li benediceva, «si staccò da loro e fu portato verso il cielo».

Lo stesso leggiamo negli Atti degli apostoli. La tradizione ha collocato il luogo dell’ascensione del Signore sulla sommità del monte degli Ulivi. Già nella seconda metà del 300 la matrona romana Pomenia vi aveva costruito una chiesa detta Imbomon (chiesa sulla vetta). Un secolo dopo vi sorse un monastero. Dopo la distruzione dei Persiani, i Crociati edificarono una nuova chiesa ottagonale, con al centro una edicola senza pareti e senza soffitto, formato da otto piccole eleganti colonnine che sostenevano altrettanti archi. In alto tutto doveva rimanere aperto, come nella primitiva chiesetta di Pomenia, a ricordare la salita di Gesù al cielo.

Nel 1200, quando Gerusalemme fu conquistata dal Saladino, quell’edicola fu trasformata in moschea. Anch’oggi, quando vi si entra, si è come schiacciati dalla possente cupola, sembra che il cielo si sia richiuso.

Matteo, a differenza di Luca e Marco, ambienta invece l’ultimo incontro con gli apostoli in Galilea, su un monte sul quale Gesù aveva dato loro appuntamento. Era forse quello della trasfigurazione? Ma anche se lo fosse, qual è l’“alto monte” sul quale Gesù si era mostrato in tutto il suo splendore? La tradizione, riportata da Origene, lo identifica con il Tabor, dove già alla fine del quarto secolo furono edificati luoghi di culto cristiani.

La prima volta che salii al Tabor era una giornata limpida e lo sguardo poteva spaziare all’infinito su una pianura verde, plasmata con mano d’artista dal Creatore, resa ancora più bella dal lavoro dell’uomo. Ricordo la gioia di mio padre quando da lassù contemplavamo incantati il paesaggio all’intorno inondato di luce, quasi un riflesso di quella che splendette sul volto di Cristo e che sembrava avvolgesse anche noi.

Su quel monte, quando Gesù tornò dopo la sua risurrezione, disse ai suoi che gli era stato ogni potere in cielo e in terra. La sua ascensione al cielo avrebbe simboleggiato la sua signoria, l’investitura regale che riceveva sedendo alla destra del Padre.

Fu allora, che pronunciò la più solenne e straordinaria promessa che mai avesse fatto: «Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo» (Mt 28, 20). Fu l’ultima sua parola.

Partendo, assicurava i suoi che sarebbe rimasto con loro. Una presenza diversa da quella di prima, quando camminava per le strade di Galilea e di Giudea. Adesso sarebbe stato con loro con tutta la potenza della sua risurrezione, con la forza della sua regalità. Sarebbe stato con loro ovunque fossero andati, in ogni momento, “tutti i giorni”, senza mai lasciarli soli nel loro cammino. Sarebbe rimasto anche nelle generazioni successive, lungo tutta la storia della Chiesa, “fino alla fine del mondo”, come Signore del mondo e della storia, come colui che ha vinto il mondo. Questa promessa era apparsa già all’inizio del Vangelo di Matteo. Di cosa temere, con una promessa così?

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons