Raggi: troppo presto e troppo tardi

A novanta giorni dalle elezioni del sindaco di Roma, in una sola giornata, sono arrivate le dimissioni del capo di Gabinetto Carla Raineri e dell'assessore al Bilancio Marcello Minenna, oltre ai vertici di Atac e Ama. Segnali di una città difficile da governare ma che resta da salvare con il contributo di tutti
campidoglio

Appena eletta, avevo scritto che bisognava lasciare alla Raggi, o a chiunque avesse vinto le elezioni capitoline, il tempo necessario per poter dimostrare di saper governare. Avevo pure scritto che in realtà destra e sinistra non avevano voluto vincere sul serio a Roma, una città troppo difficile da governare, in preda a un deficit catastrofico, con un'amministrazione incapace di efficienza e minacciata da troppa malavita organizzata.

 

I campanelli di allarme purtroppo sono già scattati. Certamente tutti i perdenti (nessuno escluso) stanno remando contro Virginia e la sua équipe, con cinico disprezzo e consumata esperienza; ma nel contempo l'inesperienza governativa dei pentastellati, e una certa alterigia, emerge in tutta la sua cruda banalità.

 

Che fare allora? Tornare alle urne? Mi sembra troppo presto. Commissariamento? Egualmente è troppo presto e non ci sono i presupposti per avviare le procedure. Giudizio definitivo sulla Raggi dopo le cinque illustri dimissioni di ieri? Mi sembrerebbe impietoso esprimerlo già ora, dopo appena poche settimane di governo capitolino e con l'eredità di due sindaci imbarazzanti, seppur per motivi opposti.

 

Purtroppo la domanda vera è un'altra: come salvare Roma? A tanti sembra troppo tardi. Eppure la Roma dei cesari e dei papi nasconde risorse insospettabili, che però sono difficili da attivare: per farlo, il popolo capitolino andrebbe coinvolto nella rinascita della città. Chi ha la ricetta giusta si faccia avanti.

Leggi anche

Questioni aperte
Draghi, la Libia e i migranti

Draghi, la Libia e i migranti

di
Contenuti Cn+
I contenuti Cn+ della settimana

I contenuti Cn+ della settimana

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Come essere autentici

Altri articoli

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Simple Share Buttons