Esteri

Gran Bretagna, confermata la vittoria dei laburisti

Lo scrutinio non è ancora ultimato, ma il partito guidato da Keir Starmer dovrebbe avere tra i 405 e i 410 seggi su 650, contro i circa 120 dei Conservatori

Il primo ministro britannico Sir Keir Starmer. ANSA/NEIL HALL
epa11458344 Media outside Downing Street in London, Britain, 05 July 2024. Britons went to the polls on 04 July 2024, which the Labour party, led by Keir Starmer, won with a majority.  EPA/ANDY RAIN
epa11456395 Labour Party leader Sir Keir Starmer (L) arrives with his wife Victoria Starmer at a polling station to vote during the British General Election in London, Britain, 04 July 2024. Britons are heading to the polls to elect new members of Parliament following the call by Britain's Prime Minister Sunak for a snap election.  EPA/NEIL HALL
epa11458346 Media outside Downing Street in London, Britain, 05 July 2024. Britons went to the polls on 04 July 2024, which the Labour party, led by Keir Starmer, won with a majority.  EPA/ANDY RAIN
epa11458348 Downing Street in London, Britain, 05 July 2024. Britons went to the polls on 04 July 2024, which the Labour party, led by Keir Starmer, won with a majority.  EPA/ANDY RAIN

Stavolta i sondaggi non hanno sbagliato di molto. Il partito laburista inglese era dato, nelle previsioni più rosee, al 40% con 450 seggi: a risultati ancora non definitivi è attorno al 35%, con una forbice tra i 405 e i 410 seggi. Una solida maggioranza dunque, come ci si aspettava, contando che i seggi totali sono 650.

Leggermente meglio delle previsioni i Conservatori, poco sotto il 25% con 120 seggi: anche se quelli ancora in bilico venissero assegnati a loro si tratterebbe comunque di un minimo storico, con un calo del 20% rispetto alle scorse elezioni. Più o meno in linea con le previsioni il 14% dei riformisti e il 12% dei liberaldemocratici, che si sono però tradotti (in base a come i voti si sono distribuiti nelle varie circoscrizioni) in una proiezione di 71 seggi per i libdem e appena 4 per i riformisti.

A ricevere l’incarico di formare un governo da re Carlo sarà quindi il leader laburista Keir Starmer, avvocato specializzato in diritti umani, che da figlio di operai si è fatto strada fino ai livelli più alti della giurisprudenza e della politica. «Ce l’abbiamo fatta! Il cambiamento inizia ora. Il partito laburista è cambiato, è pronto a servire il nostro Paese, pronto a riportare la Gran Bretagna al servizio dei lavoratori. Il mandato comporta grandi responsabilità. Dobbiamo riportare la politica al servizio del pubblico. Questa è la grande prova della politica in quest’epoca: la lotta per la fiducia è la battaglia che definisce la nostra epoca. Prima il Paese, poi il partito è un principio guida», sono state le sue parole di annuncio della vittoria, come riportato dal Guardian.

Da segnalare che, nonostante queste siano state da più parte dipinte come elezioni “epocali”, non hanno appassionato molto i britannici: l’affluenza è stata al 61%, la più bassa dal 2005.

Guarda anche

Scenari globali
NATO, summit a Washington DC

NATO, summit a Washington DC

A cura di
Esteri
La Corea col fiato sospeso

La Corea col fiato sospeso

di
Esteri
Fedeli in festa per Buddha

Fedeli in festa per Buddha

di

I più visti della settimana

Scenari globali
NATO, summit a Washington DC

NATO, summit a Washington DC

A cura di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons