La città: Babilonia o Gerusalemme?

È da tempo che spiriti attenti parlano di civiltà dell’Occidente al tramonto. E questo tramonto, questa crisi, si condensa nel volto ambiguo delle nostre città. Luoghi di possibili e inesauribili realizzazioni, e luoghi di intensa alienazione. Luoghi di incontri continui, e luoghi di solitudini estreme. Luoghi di conservazione di tradizioni, e luoghi di selvagge e iconoclastiche ricerche del nuovo. Luoghi…
Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Per visualizzarlo effettua il login

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons