Da joculator a starec

Diversi episodi testimoniano la conversione e la professio vitae sanctae di uomini di spettacolo che, abbandonate per sempre le scene, decisero di ritirarsi in convento e diventarono amatissimi direttori spirituali. È il caso di Giovanni Bono de’ Bonomi, detto “Zannebono”, agostiniano compatrono di Mantova, morto nel 1249. La sua vicenda ha ispirato, ad esempio, Giovan Battista Andreini (1576-1654), artista della Commedia dell’Arte e raffinato letterato, in due sonetti della raccolta Teatro celeste, dedicata agli attori convertiti alla fede cristiana. Un’analoga esperienza è raccontatada un anonimo testo giullaresco russo di datazione incerta, Lo starec Giocherello ne del Monastero di Bogoljubovo (112 versi), che testimonia anche l’importanza della devozione mariana nella spiritualità ortodossa. 

 

Articolo completo disponibile in Pdf

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons