Brevi media

IN LIBRERIA I padroni delle notizie Può suonare come un’affermazione apocalittica, ma il vero scopo dei mezzi di comunicazione sembra essere sempre meno quello di informare il cittadino e sempre di più quello di formare il perfetto consumatore. Sono parole di Giuseppe Altamore in un libro-inchiesta nel quale analizza il rapporto tra informazione e pubblicità. In particolare il testo affronta il tema della pubblicità occulta, delle sue caratteristiche e della sua influenza sul mondo dei media, sui contenuti delle notizie, sul lavoro e la libertà dei giornalisti. (I padroni delle notizie. Come la pubblicità occulta uccide l’informazione, Bruno Mondadori, 12,50 euro) E-LEARNING Animatori di comunicazione e cultura Partirà nel 2007 il primo corso nazionale a distanza, interamente su Internet, di formazione per gli animatori della comunicazione e della cultura, secondo le linee tracciate dal Direttorio delle comunicazioni sociali della Cei. Il corso, erogato in modalità e-learning, faciliterà così la formazione in questo ambito anche a coloro che non potrebbero frequentare le lezioni. È aperto a religiosi, laici, educatori, operatori pastorali e giornalisti che nelle proprie comunità intendano collaborare per promuovere iniziative culturali e di comunicazione. Il corso è realizzato dalla Fondazione comunicazione e cultura della Cei, in collaborazione con il Centro interdisciplinare lateranense della Pontificia università lateranense e con l’Università cattolica del Sacro Cuore di Milano. Della durata di un anno, è riconosciuto a livello universitario e conferisce 60 crediti formativi. Per iscrizioni ed informazioni: www.anicec.it. GIORNALISMO La Carta di Treviso Aumenta la tutela dei minori, ora anche nelle notizie on line. Il garante della privacy ha infatti approvato la nuova versione della Carta di Treviso che regola i rapporti tra attività giornalistica e tutela dei minori. In particolare le nuove norme si riferiscono al mondo di Internet e dei nuovi media, e andranno applicate anche al giornalismo on line, a quello multimediale e alle altre forme di comunicazione giornalistica che utilizzano strumenti tecnologici. Si tratta del secondo aggiornamento che l’Ordine nazionale dei giornalisti e la Fnsi apporta alla prima stesura di questo documento realizzato nel 1990. Una prima integrazione infatti era stata fatta nel 1995. EDITORIA Nasce Punto Famiglia Una nuova rivista bimestrale che mette al centro la famiglia, un laboratorio di idee e di riflessione su un tema che, in maniera trasversale, tocca tutti gli ambiti della società. Si chiama Punto Famiglia e si propone di dare spazio ad esperienze di vita di famiglia. Nel primo numero, in distribuzione, l’editoriale è di Sergio Nicolli, direttore dell’Ufficio Cei per la Pastorale familiare che, parlando della rivista, ha osservato: È davvero un servizio prezioso farsi vicini alle famiglie con uno strumento semplice, costruito però su un progetto preciso. Può costituire un aiuto a leggere la vita quotidiana in questa ottica di fede, per scoprirvi il filo sottile della presenza di un Amore più grande che compie meraviglie in tante storie ordinarie.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons