Acqua e fuoco, l’India profonda

Come avviene ogni sei anni, alla favorevole convergenza astrale tra Sagittario e Capricorno, la città di Allahabad, alla confluenza dei tre fiumi sacri dell’India del Nord – Gange, Yamuna e Saraswathi -, accoglie la più grande festa dell’immenso popolo indù, il Kumbh Mela. Un convenire di milioni di persone, nel periodo sacro di 42 giorni, che attira ogni sorta di predicatori e di santoni, di asceti e di ciarlatani. Quest’anno la festa vive della inedita preoccupazione ecologica per la salute dei tre fiumi, in particolare del Gange, la Madre di tutti i fiumi, che soffre delle incontrollabili emorragie d’acqua e delle devastazioni del fuoco. Proprio i due elementi naturali che esprimono più di ogni altro la straordinaria ricchezza della cultura religiosa indù. È il volto più tradizionale dell’India, rispetto a quello più innovativo della potenza economica che brucia le tappe e inonda i mercati.

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Dopo Filippo, la fine di un’epoca?

Gocce di Vangelo 12 aprile 2021

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Simple Share Buttons