Racconti d’arte

Intrattenersi con i massimi artisti fra il Due e l’Ottocento. Conversazioni amicali di un grande studioso, Giuliano Briganti, scomparso nel ’92, con personaggi che hanno fatto la storia, in approcci liberi, ricchi di cultura, emozionanti. Lo stile è personale, sciolto, dato dall’occasione di recensioni di mostre per la Repubblica e l’Espresso. Di scuola longhiana, Briganti è autonomo, sa collocarsi nello spazio mentale del pittore di cui tratta – o meglio con cui si intrattiene – così che queste non risultano pagine di erudizione, ma esperienze vitali di un conoscitore finissimo e nello stesso tempo perennemente fanciullo nell’accostarsi ai grandi del passato. Di qui l’originalità del linguaggio morbido e preciso, per cui gli artisti, specie i prediletti Giorgione Caravaggio Rembrandt, sono pennellati da intuizioni di gran pregio. Un testo fondamentale per appassionati e studiosi. Giuliano Briganti, Racconti di storia dell’arte. Skira editore, Milano 2002,€ 24,00. M.D.B.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons