Salute

Emergenza caldo, le precauzioni per i malati di Alzheimer e Parkinson

Il gran caldo di questi giorni minaccia la salute dei più fragili. le raccomandazioni degli specialisti per i malati di Alzheimer e Parkinson.

Licenza Pexels
(AP Photo/Rodrigo Abd)
Gli anziani cominciano a guardare con sospetto gli ospedali, nel timore di essere trattati come persone di serie B. (AP Photo/Natacha Pisarenko)
Ansa rsa

In questi giorni di luglio, il termometro in alcune città è troppo vicino ai 40 gradi. Una temperatura che opprime tutti, ma che può avere conseguenze molto pericolose in particolare per i più fragili. Ecco perché la Società italiana di neurologia (Sin) ha diffuso delle indicazioni per i malati di Parkinson e Alzheimer, ai quali consiglia di contrastare il gran caldo assumento 2-3 litri di acqua al giorno e di mangiare frutta e verdura, che permettono all’organismo di recuperare liquidi, sali minerali, fibre e antiossidanti. Bisogna poi contrastare l’inattività indotta dal caldo con esercizi fisici o nuotate. Per gli stati confusionali, che peggiorano in estate, sono consigliate passeggiate nelle ore meno calde e il raffreddamento dei luoghi in cui si vive.

 

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

Guarda anche

Emergenza sanitaria
Covid, casi in continuo aumento

Covid, casi in continuo aumento

di

I più visti della settimana

Emergenza sanitaria
Covid, casi in continuo aumento

Covid, casi in continuo aumento

di
Simple Share Buttons