Società

Buona giornata della felicità

Il 20 marzo ricorre la Giornata internazionale della felicità. Secondo gli studi, gli italiani sono complessivamente felici, ma preoccupati.

Foto Pexels
Foto Pexels
Foto Pexels
Foto Pexels
Foto Pexels
Foto Pexels
Foto Pexels

«Lo scopo fondamentale dell’umanità è la ricerca della felicità». Con questo obiettivo l’Assemblea Generale dell’Onu ha istituito nel 2012 la Giornata internazionale della felicità, una ricorrenza che coincide con il primo equinozio dell’anno – ovvero per l’emisfero Nord l’inizio della primavera.

Con questa Giornata, le Nazioni Unite mirano a ribadire che la felicità è uno dei diritti fondamentali dell’essere umano, e sottolineano la necessità di attuare misure politiche che promuovano lo sviluppo sostenibile, l’eradicazione della povertà, il benessere e appunto la felicità di tutte le persone. Perché questo avvenga, riconoscono come imprescindibile un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica.

Secondo i dati rilevati dallo studio di Ipsos Public Affairs, le persone in Italia sono complessivamente felici. Tuttavia, l’emozione che più le caratterizza in linee generali è la preoccupazione, seguita dalla stanchezza e dalla speranza. Se si fa riferimento all’autentica felicità l’indice è solo del 4%. Tra le ragioni della felicità si segnalano le relazioni interpersonali, la salute e la qualità del tempo libero.

Guarda anche

Salute
Una giornata per curare il cuore

Una giornata per curare il cuore

di

I più visti della settimana

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons