Fine della storia?

Nei primi anni settanta, Pier Paolo Pasolini annunciò la fine della storia, non come disintegrazione materiale, ma come irreversibile impossibilità, per gli individui schiacciati dal conformismo e dal dominio delle cose sull’uomo, di avere una storia, di trovare un senso. E’ possibile sfuggire all’infinita ripetizione del modello edonistico e riprendere un itinerarium, è possibile ridare inizio alla storia, riguadagnando la profondità della vicenda spirituale, che si svincola da quella materiale, non separandosene, ma giudicandola.

Leggi anche

Piani inclinati
Tempi duri per le cure palliative

Tempi duri per le cure palliative

di
Trend
Se l’umanità declina

Se l’umanità declina

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Come essere autentici

Simple Share Buttons