Un poema della vita e della morte

Il tempo della narrativa giapponese in genere, e di questo «Le mani sporche di Dio» di Ayako Sono in particolare (540 pagine nella traduzione italiana), non va tenuto, dal lettore, sul ritmo del tempo frenetico e dissolto che lo stile di vita euroamericano ha imposto anche a tanta letteratura, rendendola frammentaria e ansiosa, protesa ed effimera. Questo romanzo sembra volerci ricordare che il tempo non è il tempo di se stesso, ma il tempo dell'anima: è nell'anima che le cose, nel loro senso più profondo, realmente accadono, ed è così che in questo poema laicamente cristiano della vita e della morte vengono descritte. In tal modo l'autrice riesce a cogliere qualcosa del "lavoro" di Dio tra gli uomini, un Dio che, appunto, finisce per «sporcarsi le mani» insieme all'uomo.

Leggi anche

Letture
In libreria

In libreria

A cura di
Libri per bambini
La magia dei grandi balletti

La magia dei grandi balletti

di
Letture
In libreria

In libreria

di

I più letti della settimana

I miei segreti

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Amore e delusione

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

Simple Share Buttons