Come superare la disillusione nella coppia

Dopo l'entusiasmo iniziale dell'innamoramento, la relazione viene messa alla prova quando si scopre la personalità del partner e ci si chiede se la persona amata ci piaccia davvero.

La coppia si consolida attraversa alcune fasi e, tra queste, una è decisiva: la disillusione. Fintanto che si mantiene l’idillio dell’innamoramento l’altro è come l’avevi sognato, pensato, proprio fatto ad arte per te. Sarebbe il non plus ultra dell’amore, dirà qualcuno. Eppure per chi ha le mani in pasta con la relazione amorosa, i matrimoni, le convivenze, i fidanzamenti di lunga data, così non è.

È necessario che la relazione venga messa alla prova. E non si parla di macchinose strategie da telenovela, parliamo delle prove che la vita stessa mette innanzi e che riflettono il personale modo di vedere, sentire e agire di ciascuno.

È proprio quando si genera dentro ciascuno il dubbio lecito: «Ma io lo conosco davvero? Con chi ho avuto a che fare fino ad ora?», che la relazione è al suo punto di svolta e può conquistare spazi per il futuro o, viceversa, arrestare. È quando si conoscono anche i fallimenti dell’altro, quando l’aspettativa è delusa, quando viene fuori solo l’altro, che si apre la possibilità di conoscere ed integrare la totalità della persona nei suoi pregi e nei suoi difetti, ed è lì che si sceglie l’altro.

È possibile scegliere e riscegliere una persona quando si conoscono anche le sue parti buie? Non è una domanda facile, ma è la domanda di sottofondo che spesso viene portata in terapia e negli spazi di consulenza matrimoniale. E non vi è risposta lecita se non quella che si genera, anche attraverso l’accompagnamento, all’interno della coppia, esattamente lì dove si è generata la domanda.

È una risposta gravida della storia, del presente e delle proiezioni future che le persone fanno prima di tutto di sé e di come esse stesse si percepiscono in relazione all’altro. Si tratta di risposte che si preparano, che necessitano di uno spazio accogliente e privo di giudizio l’uno verso l’altro, e di tempi che non seguono le lancette dell’orologio, ma il ritmo di vita delle persone.

La trama relazionale di una coppia si esplicita nella comunicazione e nella narrazione. Ci sono coppie che hanno una narrazione interrotta del “noi”, come se la relazione si fosse fermata al “come eravamo”. Essi perdono l’oggi e la continuità. All’origine di questa interruzione spesso vi è il dolore di un’attesa mancata, così forte da riuscire ad annullare tutto il dopo. Il rischio è quello di vivere nel rimpianto e nel rimprovero che non permettono di attribuire senso all’odierno. Il bisogno è quello di riconoscersi, di perdonarsi e di decidere di ricominciare.

Altre coppie perdono la continuità del “noi”, vedono solo i pezzi, per lo più il presente. Così facendo dimenticano come sono arrivati a determinate scelte e a quella specifica situazione. Questo rischia di renderli inappagati, manca una visione progettuale d’insieme, la cornice entro cui il quadro della loro vita si dipinge. Talvolta è la quotidianità che incombe o una situazione stressante che si sta vivendo che contribuisce a generare questo stato di cose, talaltra è l’abitudine ad osservare il filo conduttore della propria storia o personali interessi non ben integrati nella funzione “noi”.

Ci sono poi coppie che vivono proiettate nel futuro di “quando” qualcosa si realizzerà. Fanno calcoli e scommesse su qualcosa che non sanno se, come e quando arriverà, e vivono per essa. Quando il “quando succederà che” diventa un mito, e non parliamo della normale attesa inserita in una progettualità, il rischio è di separare l’esperienza quotidiana dalla progettualità e di perdere pezzi di vita che non ritorneranno.

Vivere il tempo della relazione aiuta a costruirla, a starci dentro con la consapevolezza del momento, con la memoria del passato e la proiezione nel futuro.

Ciò che rende difficile attraversare quei momenti in cui ora l’uno ora l’altro ha delle difficoltà, ed in cui non ci si riconosce a vicenda, possono essere sia paure interne, sia caratteri con cui è difficile relazionarsi, sia tempi diversi nella maturazione personale.

Può aiutare il prendersi momenti insieme, il desiderio di scoprirsi sempre di più, sfruttare le occasioni delle ricorrenze per rievocare la propria storia, coltivare un dialogo sincero, tenero e profondo. Si tratta di strumenti a cui ogni coppia può accedere, che allenano il “noi” e, cosa molto importante, rendendo meno estranei i due l’uno all’altro, permettono loro di camminare insieme con una analoga andatura.

Avere lo stesso passo aiuta a non perdersi di vista.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons