Rispondere o domandare? Beckett e Ionesco

Beckett e Ionesco - anche quest'ultimo recentemente scomparso - sono considerati i maestri del "teatro dell'assurdo". Ma si sa che Ionesco ha sempre rifiutato questa etichetta, e appare chiaro che i loro rispettivi esiti, coerentemente con le divergenti impostazioni, rendono diversissimi i frutti umani e spirituali delle loro opere. L'apparente domandare di Beckett è in realtà un occultare già in partenza, con risposte camuffate da interrogativi, la possibilità stessa di ogni ricerca spirituale; che invece segna potentemente già gli esordi di Ionesco, e via via si esplicita più marcatamente nel senso di una dichiarata e umile, orante domanda cristiana.

Leggi anche

Dibattiti
Restituire opere d’arte

Restituire opere d’arte

di
Arte
La Buona Novella a Mosca

La Buona Novella a Mosca

di

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons