Il nuovo numero della rivista Sophia

Saggi di Pasquale Ferrara, Roberto Catalano, Declan O’Byrne, Michael Bronzwaer, Philipp K.T. Hu

Il numero 1/2021 della rivista “Sophia” offre un fascicolo monografico in cui sono raccolti alcuni colpi di sonda prospettici nell’universo di pensiero e di prassi dischiuso a partire dal carisma dell’unità di Chiara Lubich – fondatrice dell’Istituto Universitario –, in occasione del centenario della sua nascita.

Il fascicolo è scandito in quattro sezioni: saggi, laboratorio, ricerche, forum.  I saggi sono a firma di Pasquale Ferrara, Roberto Catalano, Declan O’Byrne, Michael Bronzwaer, Philipp K.T. Hu.

Di particolare interesse il contributo di Philipp K.T. Hu: The creation of the universe from nothingness by Laozi, from the perspective of Nothingness in the Christian Tradition. L’Autore, partendo dalla lectio del professor Piero Coda sul confronto tra il Nulla di Buddha e la tradizione cristiana – in occasione del dottorato Honoris Causa a Lui concesso della University College of Literature of Dharma Drum Mountain nel 2019 – ne riprende i due argomenti principali: il primo è intorno alla frase della Bibbia: “dal nulla crea“; il secondo è “il nulla per amore” nella Trinità, tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Sulla base di questi due argomenti, il saggio offre un confronto sul concetto di creazione nel libro intitolato Dao De Jing di Laozi.

Il dialogo tra culture d’altra parte è un tratto distintivo della rivista “Sophia” così come la ricerca inter e transdisciplinare. Un ulteriore conferma in tal senso viene dal laboratorio che ospita il lavoro svolto da Haoyang Fu, intitolato Bernhard Welte e il “luogo” del Nulla, Una prospettiva per il dialogo tra Occidente e Oriente.

Nella sezione Ricerche, viene presentato il saggio di Anna Sarmenghi, dal titolo Munditia cordis. La via della negazione nell’amore di Dio.

Infine il Forum che raccoglie gli interventi relativi alla presentazione della collana Tracce, promossa dall’Istituto Universitario Sophia in sinergia con Città Nuova Editrice, e del suo primo volume a firma di Marco Martino: D’improvviso. La via del “non”, a partire da Platone, che si è svolta il 28 ottobre 2020.

Massimo Donà, Francesco Valagussa, Carmelo Meazza e Piero Coda, si confrontano con il tema centrale del libro: rintracciare, nell’esperienza improvvisa dell’istante – ἐξαίφνης – una negatività “non” difettiva ma, al contrario, possibilità di nuove imprevedibili creazioni.

Nel perseverante e proficuo dialogo tra filosofia e teologia il “non” dell’ἐξαίφνης è insieme quello dell’ἐπέκεινα: il non pasquale e agapico dell’essere in quanto trinitario e trinitizzante.

 

I più letti della settimana

11 settembre

L’11 settembre di Chiara Lubich

Lo dice la sharia?

La terza dose di vaccino

Voltiamo pagina insieme

Simple Share Buttons