Salute

Con lo smog aumenta il rischio di infarto

Una nuova ricerca mette sotto accusa le polveri sottili: l'inquinamento atmosferico danneggia la salute.

smog da record nella città di Harbin
Smog a Pechino
Claudio Furlan / lapresse


Smog e inquinamento a Milano

Nella foto: Torre Isozaki
Inquinamento

Una ricerca del Policlinico Gemelli e dell’Università Cattolica di Roma, condotta su 287 pazienti, ha dimostrato che l’esposizione allo smog danneggia i vasi sanguigni e può provocare un infarto anche in soggetti non a rischio. La ricerca è stata presentata al congresso della Società europea di cardiologia ed è firmata dai professori Rocco Antonio Montone e Filippo Crea. Sotto accusa, nello studio, in particolare le PM 2.5, le poleveri sottili molto piccole presenti nell’aria e prodotte dai gas di scarico degli autoveicoli. Riducendo lo smog, di conseguenza, si avrebbero benefici per la salute della popolazione e per le casse pubbliche.

 

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

Guarda anche

Emergenza sanitaria
Covid, casi in continuo aumento

Covid, casi in continuo aumento

di

I più visti della settimana

Emergenza sanitaria
Covid, casi in continuo aumento

Covid, casi in continuo aumento

di
Simple Share Buttons