Fisica

I Laboratori Nazionali del Gran Sasso si rinnovano

 

Digital StillCamera

Borexino studia come il Sole produce energia. Lvd va a caccia di Supernove nel cosmo. Sono due degli esperimenti scientifici che hanno reso famosi nel mondo i Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS). Sotto uno strato di 1400 metri di roccia, schermati quindi dalle radiazioni cosmiche, questi esperimenti dal 1968 studiano l’universo e i suoi segreti. Ma nell’acqua usata per gli esperimenti, pur con tutti i controlli, si sospetta che rimanga una piccola traccia di inquinanti, che poi vanno a finire nell’acquedotto teramano. Di conseguenza la regione Abruzzo ha imposto la chiusura degli esperimenti che usano l’acqua. Smontare e portare fuori dalla montagna i due grandi esperimenti, alti 15 metri e pieni di oltre duemila tonnellate di idrocarburi, non sarà facile. Dal punto di vista scientifico è una grande perdita, ma si sta già pensando a nuovi esperimenti all’avanguardia, con cui sostituire quelli smontati. Chissà, magari alla fine sarà un vantaggio, per la fisica del futuro, questo rinnovamento dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

Guarda anche

Tecnologia
Twitter e il suo nuovo logo

Twitter e il suo nuovo logo

di
Fantascienza
Do you speak Martian?

Do you speak Martian?

di

I più visti della settimana

Spazio
La seconda volta di Samantha

La seconda volta di Samantha

di
Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons