La funzione della poesia

Nella società dei consumi le prime ad essere consumate sono le parole, fino ad un silenzio che però non è il raccoglimento, la custodia delle parole, ma la loro dissipazione e il loro oblio. Noi perdiamo la nostra relazione con le cose, non sappiamo più dire il loro nome vero, il loro significato: diventano indicibili, una folla estranea di oggetti in un mondo inabitabile. Nelle epoche di inaridimento della parola, il poeta, e ogni uomo come essere capace di parola, cioè di poesia, ha il compito particolarmente urgente di risvegliare le parole, di riportare allo scoperto, sotto l’indurimento della crosta sociale, il flusso vivo del loro sangue. La poesia custodisce e richiama le cose per le quali e con le quali vale la pena di vivere condividendone il significato.

Leggi anche

Libri per bambini
La magia dei grandi balletti

La magia dei grandi balletti

di
Letture
In libreria

In libreria

di
Arte
Il fascino dell’autoritratto

Il fascino dell’autoritratto

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons