La forza delle religioni per l’ambiente

Il nuovo ruolo delle comunità di fede nel guidare il cambiamento climatico e la costruzione del futuro. Le potenzialità e l’umiltà. Il programma Faith Plans. Il ruolo dei Focolari. Intervista a Martin Palmer

La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 (COP 26) a Glasgow si è da poco conclusa con alcuni incoraggianti segni di speranza e molta delusione al tavolo dei negoziati. Ma mentre i diplomatici e i negoziatori sembrano essere lenti nell’intraprendere azioni politiche globali concrete, molti stanno già operando un reale cambiamento nelle loro comunità e oltre.

Martin Palmer, ex segretario generale dell’Alliance of Religions and Conservation (ARC) e attuale CEO di FaithInvest ci aiuta a svelare il potenziale che le comunità di fede hanno nel guidare il cambiamento climatico e il ruolo che i Focolari possono giocare in questo contesto. Martin Palmer è un esperto internazionale delle maggiori tradizioni e culture religiose e autore di più di 20 libri su temi religiosi e ambientali. Collabora regolarmente con la BBC ed è un predicatore laico della Chiesa d’Inghilterra.

Qual è il ruolo specifico delle comunità di fede di fronte a una crisi ecologica senza precedenti?
Le grandi fedi non sono solo fonti di antica saggezza spirituale con millenni di esperienza nel guidare l’umanità attraverso crisi profonde. Sono anche tra gli attori più importanti del pianeta. Senza il lavoro educativo, medico, assistenziale e caritatevole delle comunità di fede attraverso le scuole, gli ospedali, il lavoro con i giovani, le agenzie assistenziali ecc. la società civile crollerebbe in poche settimane.

Eppure, per qualche motivo, noi come donne e uomini di fede sembriamo aver dimenticato che gestiamo il 50% di tutte le scuole; gestiamo circa l’8% della superficie del pianeta, compreso il 5% delle foreste commerciali; siamo collettivamente uno dei più grandi gruppi d’investimento con letteralmente trilioni di dollari investiti. Eppure sembra che non ce lo ricordiamo.

Così, mentre l’aspetto spirituale è vitale perché ci dà la prospettiva più ampia del tempo, dello spazio e del significato, se ignoriamo il nostro ruolo come azionisti per la costruzione del nostro futuro finiamo a stare in disparte a gridare e sperare che qualcuno ci stia a sentire. Per esempio, la Chiesa cattolica ha più scuole che l’America e il Canada messi insieme. Se, come sappiamo da tutte le principali ricerche, circa l’85% delle persone appartengono a una fede, allora dobbiamo accettare di essere parte del problema e potenzialmente i responsabili del cambiamento!

Questo è stato drammaticamente visibile nella COP 26 a Glasgow, dove le fedi sono state le principali protagoniste, dalle marce alle dimostrazioni, all’invio di petizioni fino alla dichiarazione multi-fede rilasciata dai leader religiosi di tutte le principali fedi.

È importante un ruolo attivo delle comunità di fede nel guidare il cambiamento. Ha notato un cambiamento di atteggiamento negli ultimi anni?
Vedo un enorme cambiamento. Le fedi sono ora viste come essenziali per ogni possibile impresa di successo da parte dei media, investimenti, educazione, leadership morale e spirituale, progetti pratici sul campo con le comunità locali ecc. E per la prima volta tutti i principali gruppi ambientali religiosi come GreenFaith, Eco-Sikh, Daoist Ecological Temple Network, Hazon – il più grande gruppo ambientale ebraico e naturalmente ora il Vaticano attraverso il Movimento Laudato Si’ e i Focolari – stanno lavorando insieme, fianco a fianco portando il meraviglioso pluralismo di diverse credenze, valori e reti insieme, specialmente attraverso il programma Faith Plans.

Noi, le fedi, siamo ora più che mai ricercati dal mondo secolare. Il pericolo è che ci si aspetta che diventiamo l’unica soluzione che risolve tutto, quindi è necessaria una certa umiltà da parte delle fedi, ma che siamo ora considerati partner essenziali per qualsiasi futuro gestibile e vivibile è fuori dubbio. Enormi possibilità; enormi responsabilità; vaste reti che lavorano fianco a fianco – e una serie di sfide gigantesche. È tempo di un po’ di ottimismo.

Lo scorso ottobre, in occasione della festa di San Francesco d’Assisi, papa Francesco e altri leader religiosi tra cui l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby e il patriarca ecumenico ortodosso Bartolomeo, hanno lanciato un appello pre-COP26 sul cambiamento climatico e un impegno pubblico a creare piani per l’ambiente. Perché è importante fare un piano?
La dichiarazione del Papa, appoggiata da tutte le principali fedi, segna una svolta decisiva. Per la prima volta le fedi si sono impegnate a fare piani per cambiare l’impatto della loro fede sull’ambiente. Per esempio, c’è un impegno specifico a investire finanziariamente in linea con i propri valori. Investire, in altre parole, in un futuro sostenibile, giusto e ambientale. Questo è unico, e questo impegno è ciò che ora guida i Faith Plans attraverso la piattaforma d’azione Laudato Sì per i cattolici e attraverso la piattaforma FaithInvest per tutte le altre principali organizzazioni cristiane e di altre fedi.

Affinché le fedi siano davvero efficaci, abbiamo bisogno non solo delle meravigliose parole e della saggezza tratta dalle grandi correnti spirituali, ma abbiamo anche bisogno di sapere dove potrebbero essere artefici del cambiamento. Questo significa sapere quanto è esteso il loro ruolo nell’educazione in ogni luogo o paese; quante cliniche e ospedali hanno; dove sono i loro investimenti; quanta terra possiedono; quale gamma di competenze professionali ci sono nella comunità di fede e così via.

Qual è, secondo lei, il contributo specifico dei Focolari nel realizzare questa conversione ecologica?
Il ruolo dei Focolari è unico. Non solo siete una grande organizzazione di laici in una delle fedi più gerarchizzate del mondo, ma siete un’ispirazione che va ben oltre i vostri membri. Per decenni avete lavorato attraverso l’Economia di Comunione sulla realtà di vita e di lavoro della fede nella pratica del mercato. Creare nuovi modelli e iniziative sembra essere connaturale per voi, il vostro stile di condividere quello che fate è un’ispirazione.

Avete decenni di lavoro interreligioso e una profondità e integrità che non si trova facilmente nel mondo interreligioso, spesso superficiale. I vostri legami con altre fedi mostrano una gioia per il pluralismo che non si trova spesso in organizzazioni religiose della portata e dell’impatto dei Focolari.

Infine, sembra che abbiate già coinvolto alcune delle persone più carismatiche, altamente motivate, abili e premurose per il mondo, che sono già in azione.

I più letti della settimana

Viaggiando il Paradiso di Chiara

Adolescenti, proviamo a capirli

Una Rosa Bianca per David Sassoli

Fraternità, non collegi

Passione di leggere

Morire per la propria gente

Simple Share Buttons