Il sociale come utopia fra politica e fede.

Riflettendo sulla crisi della cultura contemporanea
Nella storia, il sociale è una realtà che sta emergendo oggi in tutta la sua ampiezza. Ed è l'utopia che lo caratterizza, se per utopia intendiamo la capacità di continuamente trascendersi in quel movimento che è la storia. Se questo è vero, occorre ricomprendere il ruolo del politico, proprio nel suo rapporto con il sociale. E il rapporto di questo con la fede come trascendenza assoluta nella quale la trascendenza immanente che è la storia acquista senso.

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons