CN+

Giorgio La Pira, la santità di un politico

L’originalità di Giorgio La Pira, capace di unire la contemplazione e la preghiera all’attività sociale e amministrativa, con una predilezione per i poveri e i sofferenti, si colloca dentro una grande stagione culturale del cattolicesimo fiorentino permeato da un radicalismo evangelico ben rappresentato nella poesia di Mario Luzi
Giorgio La Pira. foto Wikipedia

«Non era utopia, quella di La Pira. Era avere una visione di speranza. Aveva motivi interiori di fede per andare in senso contrario agli eventi, creando le condizioni per essere fratelli». Così una felice definizione del cardinal Bassetti che fa…

QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI A CN+

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

Mediterraneo di fraternità

La forte fede degli atei

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons