Famiglie, siate il volto accogliente della chiesa

«Invece di vivere come “isole”, vi siete messi “a servizio gli uni degli altri”. Così si vive la libertà in famiglia!». Così papa Francesco in occasione nell’omelia della S. Messa conclusiva del X Incontro mondiale delle Famiglie.
Foto: LaPresse

«La Chiesa è con voi, anzi, la Chiesa è in voi! La Chiesa, infatti, è nata da una Famiglia, quella di Nazaret, ed è fatta principalmente di famiglie», ha detto papa Francesco rivolgendosi a tutte le famiglie del mondo nell’omelia della S. Messa conclusiva del X Incontro mondiale delle Famiglie. Famiglia, sei Chiesa quando sai sognare un futuro senza voltarti indietro a rimpiangere il passato, quando scommetti sull’amore familiare, quando abbracci con amore fedele la tua vocazione.

È importante affermare la bellezza della famiglia e difenderla, spiega papa Francesco, non permettere che essa «venga inquinata dai veleni dell’egoismo, dell’individualismo, dalla cultura dell’indifferenza e dalla cultura dello scarto, e perda così il suo “dna” che è l’accoglienza e lo spirito di servizio». La famiglia è il primo luogo dove si impara ad amare, dove si impara che la libertà più grande è quella interiore, è uscire dalla prigione dell’egoismo, è quella di una vita tutta orientata all’amore.

«Tutti voi coniugi, formando la vostra famiglia, con la grazia di Cristo avete fatto questa scelta coraggiosa: non usare la libertà per voi stessi, ma per amare le persone che Dio vi ha messo accanto – ha ricordato il papa -. Invece di vivere come “isole”, vi siete messi “a servizio gli uni degli altri”. Così si vive la libertà in famiglia! Non ci sono “pianeti” o “satelliti” che viaggiano ognuno per la sua propria orbita. La famiglia è il luogo dell’incontro, della condivisione, dell’uscire da sé stessi per accogliere l’altro e stargli vicino». Proprio «abbracciando con amore fedele la propria vocazione» i genitori possono aiutare i figli a scoprire, ad accogliere la loro personale vocazione e a sceglierla ogni giorno affrontando le difficoltà della vita.

«Siate il seme di un mondo più fraterno. Siate famiglie dal cuore grande, siate il volto accogliente della Chiesa», ha detto papa Francesco leggendo il testo dell’Invio missionario delle famiglie al termine della Celebrazione.

La S. Messa – nella quale hanno concelebrato 15 cardinali, 140 vescovi e 271 sacerdoti – ha concluso l’Anno “Famiglia Amoris Laetitia”. «Un anno – ha ricordato nel suo saluto conclusivo il card. Farrell, Prefetto del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita – che ha voluto dare nuovo slancio alla pastorale familiare nelle Diocesi di tutto il mondo: ovunque vescovi, sacerdoti e laici si sono adoperati con entusiasmo e dedizione per mettersi in ascolto delle necessità concrete delle famiglie e rivedere metodologie e contenuti della pastorale». Il cardinale ha anche ricordato che il Dicastero sta lavorando con le Conferenze episcopali e le diocesi per aiutarle a evangelizzare le famiglie e evangelizzare con le famiglie. «C’è ancora tanto lavoro da fare – ha detto -, ma dopo questo incontro nel nostro cuore ci sono fiducia e un rinnovato entusiasmo. Le famiglie, con la loro vocazione specifica alla santità, sono davvero il volto più bello della Chiesa e possono contribuire in maniera unica a evangelizzare il mondo con la loro capacità di testimoniare l’amore, la fortezza nelle difficoltà e la perseveranza nell’abbandono fiducioso a Dio».

Si spengono i riflettori su questa esperienza del tutto unica. Una Chiesa che accoglie e si pone in ascolto, che sostiene le fragilità, che annuncia con realismo la bellezza del matrimonio anche nei momenti di stanchezza, nelle difficoltà, nelle cadute, è l’esperienza fatta in questi giorni.

Dell’Anno “Famiglia Amoris Laetitia” rimangono volti, storie, esperienze vissute insieme e anche documenti che segneranno il cammino delle famiglie di tutto il mondo negli anni a venire: la Lettera agli sposi, il documento sugli Itinerari Catecumenali per la vita matrimoniale, i 10 Video Amoris Laetitia sulla famiglia, il ciclo di Catechesi del mercoledì sulla vecchiaia, con il quale la Chiesa torna a riflettere sul tema degli anziani. Non ultimo, il volume, edito dalla LEV, «La santità nelle famiglie del mondo» pubblicato dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita (LEV), che è stato donato a tutti i partecipanti all’Incontro mondiale ed è stato redatto per offrire alla pastorale familiare un percorso concreto di vita e per fare conoscere la bellezza della vocazione al matrimonio e alla famiglia come via di santità.

I prossimi appuntamenti delle famiglie con il Santo Padre sanno: il “Giubileo delle Famiglie” che si svolgerà nel 2025 a Roma nell’ambito delle celebrazioni dell’Anno Giubilare e l’XI  Incontro Mondiale delle Famiglie 2028.

I più letti della settimana

Omosessualità in famiglia

Gen Verde, la pace come bussola

I muscoli e la ragione

Simple Share Buttons