Estremo Oriente e temi sociali a Cannes

La miseria e il dolore del mondo sembrano il soggetto dei premi. Ha vinto il sud-coreano Bong John-ho con il suo Parasite
Bong Joon-ho

Molti si aspettavano un premio, se non la Palma d’oro ad Almodòvar o a Tarantino. Qualcosa anche al nostro Bellocchio. Invece, sono tutti rimasti, o quasi, a bocca asciutta. Non si direbbe proprio giustamente, perché sia il film di Pedro Dolor y gloria – nonostante Banderas miglior attore –, sia Il Traditore, con un magnifico Favino, meritavano qualcosa in più.

Ma la giuria è la giuria e va rispettata. Così in modo  unanime – si dice – ha vinto il sud-coreano Bong John-ho con il suo Parasite, «storia di ricchi contro poveri, di sottoscala, tra umori grotteschi e splatter», come è stato definito da collega Cappelli sul Corsera.

Vanno molto ormai gli emarginati, visto che il Gran Premio della giuria lo ha preso Mati Diop con Atlantique che racconta l’emarginazione in Senegal e poi anche Les Misérables di Lady Ly, ambientato nella banlieue parigina dove il regista è cresciuto tra gitani, islamici, prostitute e ladri.

In effetti la miseria e il dolore del mondo sembrano il soggetto dei premi, a riprova di una sensibilità per il sociale molto cresciuta ed attuale da parte del cinema. Tant’è vero che il parossistico, citazionista film di Tarantino su Hollywood di una volta, anche se zeppo di star – primo di tutti Leo DiCaprio sempre fenomenale – non ha preso nulla. Che il mondo del cinema sia stanco di eccessi o perlomeno dei soliti acclamati registi? Chissà.

Del resto a Cannes numero 72 – a parte gli omaggi, dalla nostra Lina Wertmuller ad Alain Delon –, l’occhio pare appostato sul tema della giustizia sociale e dell’integrazione, visto che i l film dei fratelli Dardenne ha ottenuto la Miglior regia. Si tratta di Le jehune Ahmed sul radicalismo islamico di un adolescente, un appello all’apertura in quest’età di populismi.

Congedati gli ultimi eroi, da Stallone a Brad Pitt, omaggiato l’ultimo film di Lelouch, rimane in campo l’icona francese Catherine Deneuve in una edizione non sgargiante, ma comunque interessante. Cannes ha snobbato Tarantino, ridimensionato il “prodigio” canadese Xavier Dolan (che si è ripetuto) e, purtroppo, dimenticato l’Italia. Che si sta però rifacendo al botteghino con il giovane Favino, 50 anni, diretto dal vecchio-giovane Bellocchio, 80 anni. Il buon cinema non ha età.

 

 

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Simple Share Buttons