Chiesa, popolo di santi

L’anelito alla santità, raggiungibile da tutti, sacerdoti e laici, religiosi e politici, donne, uomini, bambini, attraversa tutta la vita di Igino Giordani (Tivoli 1894 – Rocca di Papa 1980). Una ricerca che matura nel corso degli anni, si arricchisce di esperienze e trova il suo culmine, e soprattutto la strada per realizzarla, nell’incontro con il carisma di Chiara Lubich. La visione della santità in Giordani precorre il Concilio Vaticano II ed è in grande consonanza con il magistero di papa Francesco. Una prospettiva, dunque, che può essere di luce per attuare ciò che del Vaticano II non è ancora diventato realtà. L'autrice, laureata in psicologia, collabora dal 2013 con il Centro Igino Giordani a Rocca di Papa e recentemente ha conseguito la laurea magistrale con una tesi su Igino Giordani e il "genio femminile".

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Omosessualità in famiglia

Gen Verde, la pace come bussola

Simple Share Buttons