Bakhita racconta la sua storia

La santità di Giuseppina Bakhita è un segno particolare per il nostro tempo. Il rapimento - bambina di appena otto anni -, la schiavitù feroce e crudele, un fortunoso venire in Italia, il presentimento, a lungo preparato da Dio, del cristianesimo, l'incontro con persone provvidenziali, poi con le suore Canossiane, il battesimo, la professione religiosa, la lunga vita umile, sorridente, grata di tutto. In lei possono riconoscersi le vittime di questo secolo: bambini, emarginati, espropriati, offesi; e sentirsi come lei chiamati alle cose più grandi.

Leggi anche

Riflessioni
La promessa

La promessa

di

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons