All’ascolto del silenzio.

Dal silenzio al dialogo

Dopo aver tentato di definire lo status del silenzio in un precedente articolo (Oblio e nostalgia del silenzio, in «Nuova Umanità» n. 84, novembre-dicembre 1992) l'autore si pone all'ascolto del silenzio, in una fase cioè di attenzione, che costituisce la pars construens dell'ermeneutica del silenzio, in prospettiva antropologica, nel tentativo di chiarirne il valore ed il senso nel rapporto intersoggettivo. Al termine fa intravedere nella triade silenzio-dialogo-alterità gli elementi costitutivi di ogni rapporto umano e di un autentico incontro personale, che passa attraverso il «rischio» del dialogo e del silenzio assoluto, per giungere a un vero rispetto a un'autentica comprensione umana.

I più letti della settimana

Chiara D’Urbano nella APP di CN

La forte fede degli atei

Mediterraneo di fraternità

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons