Vogliono sempre la stessa fiaba

bambine, Sonia e Sara, rispettivamente di cinque e tre anni. Durante la giornata sono molto vivaci e mi danno parecchio da fare. Alla sera però, durante la lettura della fiaba, sono dolcissime e ascoltano con molto interesse. Vogliono sempre la stessa storia… perché?. Una mamma di Rieti Le sue figlie sono molto fortunate ad avere una mamma come lei che prima del sonno, si siede sul loro lettino a leggere le fiabe, perché tutto ciò rappresenta uno dei momenti più importanti per lo sviluppo del bambino. La fiaba! Quanto è importante raccontare fiabe! Ve ne sono di tutti i tipi e ogni bambino sa individuare quella che più gli piace e gli da maggior sicurezza. Il grande psicologo infantile Bruno Bettelheim ha dimostrato molto bene quanto sia positivo per i bambini la lettura da parte degli adulti. Soprattutto la sera, prima di addormentarsi, il racconto della fiaba, con i suoi ritmi, con la stessa tonalità della voce, con gli stessi rituali, risulta essere veramente benefica ed educativa. Ci sono bambini che fanno fatica ad addormentarsi ed hanno paura a rimanere soli durante la notte. La notte, infatti, per molti di loro è ricca di fantasmi e di paure… E cosa c’è di meglio, prima di affrontare la paura, che rifugiarsi nei personaggi conosciuti della fiaba? E poi, la voce cadenzata, rituale, dolce e piena di tenerezza, comunicano al bambino i molti sentimenti che accompagnano il vivere, e lo aiutano a riconoscere sé stesso, a dare un nome alle emozioni, agli affetti, alle paure così da non essere sopraffatto da esse. Inoltre le fiabe hanno sempre un senso. Le storie racchiuse in esse contengono spesso la storia della vita, con la lotta fra il bene e il male, fra la paura e la realtà che, anche se faticosa, non è mai così drammatica da sopraffarci. E poi, gli eroi, le fate, i maghi vincono sempre sul male, dando così speranze, aiutando il bambino a comprendere il senso della vita. Occorre poi ricordare quanto gli aspetti simbolici profondi inseriti nella fiaba non si esauriscono mai e ci riportano sempre nell’eterna avventura della vita, perché i significati fondamentali sono eterni e non si finisce mai di approfondirli. A noi adulti, poi, la fiaba comunica il senso del tempo e ricorda l’infanzia e l’innocenza. I valori dunque contenuti nelle fiabe possono essere uno strumento valido per trasmettere ai bambini i princìpi educativi più importanti, come il coraggio dell’eroe, la tenerezza della mamma o la sicurezza del papà. Princìpi educativi di cui il mondo è alla costante ricerca anche quando sembra averli smarriti. I TRE PASSEROTTI Tre grigi passerotti,/ lesti vispi e grassotti,/ volan dal monte al piano/ vengon da assai lontano. Portano per far festa,/ una bandiera a testa,/ di color giallo o rosa/ e ognun di essi la posa/ là, sulla guglia lucente/ d’un castello splendente. Il sole brilla,/ una campana squilla: è primavera. (da I racconti del coniglio blu, Lito Editore).

I più letti della settimana

Dialogando con Tiziana Merletti

Il Cigno nero secondo Luigino Bruni

Si può imparare a litigare?

Simple Share Buttons