Vita sobria per tutti

A proposito dell’articolo “Vivi con stile” di Aurelio Molè, pubblicato sul n.10/2010
Lavori

Suggerimenti

«28 mesi fa ho perso il lavoro per la crisi dell’azienda, con mia moglie casalinga e due figli studenti universitari. Oltre ai suggerimenti da voi illustrati, da noi adottati da tempo, elenco schematicamente gli ulteriori provvedimenti di risparmio, resisi necessari dall’emergenza:

– vendita seconda auto, non indispensabile;

– non rinnovo assicurazione moto ragazzi e fermata dei mezzi;

– disdetta abbonamenti a riviste (eccetto Città Nuova);

– disdetta canone Rai;

– riscaldamento quasi esclusivamente a legna, raccogliendo il secco dei boschi (con temperature nei locali giorno di 16-18 °C), nessun riscaldamento nelle camere da letto (9-12°C);

– coltivazione orto, concimato con compostaggio e irrigato con acqua piovana;

– riduzione quantità di cibo, con beneficio salute, in particolare delle carni, sostituite spesso da legumi o noci e nocciole;

– eliminazione bevande dolci commerciali, acqua minerale e superalcolici, riduzione consumo di vino;

– niente cibi pronti o costosi (pasta fresca, gnocchi, gelati);

– autoproduzione marmellate, conserve, camomilla e aromi, dado vegetale, birra, pesto, maionese, torte e biscotti, pizza, pasta fresca, pane;

– mai acquisto di primizie, ma solo quando il prezzo è minimo e la maturazione ottimale;

– raccolta di funghi, mirtilli, lamponi, fragoline, corgnole, castagne ed erbe edule dei prati (tarassaco, ortica, germogli luppolo, asparagi selvatici, verzole);

– esecuzione di ogni manutenzione a casa e auto;

– eliminazione pasti in ristorante o pizzeria;

– eliminazione vacanze in albergo, ma riscoperta del campeggio;

– riduzione viaggi;

– bicicletta, anche per distanze superiori a 10 km;

– sostituzione contratti utenze gas, energia e telefonia con altri più economici;

– rinegoziazione contratto assicurazione auto.

«Ci sono poi comportamenti propedeutici, da noi adottati, che innescano un percorso virtuoso:

– trasferirsi dalla città in campagna per migliorare la qualità della vita e permettere i risparmi anzidetti;

– risparmiare per acquistare presto una casa, anche se modesta, per non pagare più l’affitto;

– evitare di abitare in condominio, fonte di sprechi inimmaginabili (se ne può scrivere un libro);

– acquistare auto con costi di gestione minimi;

– non avviare abitudini costose ed inutili (fumo, lotterie, giochi a pagamento, ecc.);

– scegliere sport a costo minimo (alpinismo, escursionismo, speleologia, canoa, nuoto al lago, bicicletta) ed impatto ambientale nullo.

«Spero che queste indicazioni possano risultare utili anche ad altri».

Paolo Sebastiani

Leggi anche

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

La salute del corpo sociale

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

Hans Küng, l’arte del margine

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Simple Share Buttons