Vecchia Italia

Quelli che ci vengono proposti sono sempre più spesso programmi vecchi, almeno quanto chi li conduce e li guarda.
Anziani

L’Italia non è un Paese per giovani. E per averne conferma basta accendere la tv. È ormai una tendenza. Quelli che ci vengono proposti sono sempre più spesso programmi vecchi, almeno quanto chi li conduce e li guarda. Nulla contro gli anziani, per carità. Ma sono loro, gli italiani con i capelli bianchi, ad essere i nuovi protagonisti e i più fedeli telespettatori dei palinsesti, al punto che quella appena andata in soffitta potrà forse essere ricordata come la stagione tv della terza età.

Nelle sere d’estate, a tenere compagnia a quasi cinque milioni di italiani ci sono le “velone”, attempate signore in età da pensione, pronte a fare il verso alle “veline”, le reginette dello stacchetto sexy, sulla scrivania di Striscia. E mentre Sandra Milo passava il suo tempo da naufraga sull’Isola dei famosi, per l’intero inverno il programma di cui si è più discusso è stata la versione senior di Uomini e donne, lo show condotto dalla De Filippi in cui, al posto di aitanti tronisti e ragazze da calendario, c’erano nonni rubacuori e arzille vecchiette a caccia dell’anima gemella. Un gioco seduttivo in tarda età che non mancava anche di avere momenti di tenerezza, di nostalgico ritorno al passato, ai tempi in cui i valori erano più genuini. Per alcuni, una trasmissione che ridava cittadinanza televisiva a un pezzo di società poco considerato. Ma che alla fine lasciava in bocca un retrogusto amaro, l’impressione di uno spettacolo triste, la ripetizione in tono dimesso dell’altro, quello per i giovani, tutto muscoli e curve. Ne abbiamo già parlato su queste colonne.

«Hanno scoperto improvvisamente che gli ospizi sono pieni di persone desiderose di andare in televisione – spiega brutalmente il critico tv Gianluca Nicoletti – e tutti ne attingono a piene mani». Sarà pure un segno dei tempi, ma forse non il più positivo. Perché valorizzare gli anziani è un conto. Della loro saggezza, dell’esempio, dell’esperienza, tutti abbiamo bisogno. Della loro caricatura tv invece, possiamo fare tranquillamente a meno. Anche perché da protagonisti dei meccanismi tv, rischiano di finire vittime in nome dell’audience.

Leggi anche

Televisione
Leonardo, la fiction

Leonardo, la fiction

di
In punta di penna
Il nuovo trionfo della radio

Il nuovo trionfo della radio

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Come essere autentici

Simple Share Buttons