Una grande e preziosa unità fra tutti gli uomini.

I “discorsi politici” di Alphonse de Lamartine
«C’è una grande e preziosa unità da tener presente, da conservare, da incrementare, s’è possibile, fra tutti gli uomini […] destinati a diventare cittadini di una medesima famiglia. […] Senza di ciò voi avrete degli individui, ma punto società, punto famiglia, popolo, punto nazione». Chi pronunziava queste parole, così attuali e necessarie, era il poeta Alphonse de Lamartine (1790-1869) alla Camera dei Deputati il 24 marzo 1837. Discorso che, insieme a tanti altri, la UTET, nel clima arroventato dell’Italia della neonata Repubblica 1948, tradusse e pubblicò per offrirli alla riflessione dei parlamentari italiani. Lamartine studiò la Rivoluzione francese, di cui aveva detestato le violenze, e comprese che i principi di libertà, uguaglianza e fraternità derivavano dal Vangelo e pertanto essi dovevano diventare il fondamento del suo impegno politico. Combatté la pena di morte, si occupò degli orfani, promosse l’istruzione pubblica e il diritto di proprietà per tutti.

Leggi anche

Questioni aperte
Draghi, la Libia e i migranti

Draghi, la Libia e i migranti

di
Contenuti Cn+
I contenuti Cn+ della settimana

I contenuti Cn+ della settimana

di

I più letti della settimana

Amore e delusione

crisi

Attraversare la crisi

Scopri Città Nuova di Aprile!

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Giordania, il re rassicura

La magia dei grandi balletti

Gocce di Vangelo 10 aprile 2021

Il prezzo del potere

Come essere autentici

Simple Share Buttons