Un Prof. per il diaologo

Appena pochi chilometri fuori New York, il paesaggio cambia totalmente. Si attraversa il White Stone Bridge e si lascia alle spalle la linea d’orizzonte di Manhattan, il panorama più bello di una città moderna. Si percorrono 100 comodi chilometri nell’autostrada Hutchinson River Parkway, immersa nel verde e nel respiro fresco di una natura ancora incontaminata, e si arriva a Hyde Park dove nacque, c’è ancora la sua casa, Franklin Delano Roosevelt, presidente degli Stati Uniti dal 1933 al 1945. In questa amena località ha sede la cittadella americana del Movimento dei focolari chiamata Luminosa, circondata da alberi secolari, un laghetto, numerosi scoiattoli, tipo Cip e Ciop, e di notte frequentata da famiglie intere di cervi. Ogni anno, dal 1988, viene assegnato il Luminosa Award for Unity, un premio a persone o associazioni che hanno contribuito in modo significativo alla fratellanza universale. Negli anni i destinatari del premio sono stati esponenti delle varie denominazioni cristiane e tradizioni di fede ed incluso personalità note come i cardinali William Keeler e Pio Laghi; il rabbino Jack Bemporad, il reverendo Nichiko Niwano, presidente del movimento buddhista giapponese Rissho Kosei-kai; l’Iman leader del movimento islamico American Muslim Society Warith Deen Mohammed; il reverendo Diane Kessler; Lujas Njifua Fontem, re della popolazione Bangwa in Camerun e il senatore canadese Douglas Roche. Quest’anno è stato assegnato ad Anthony Cernera, presidente dell’università del Sacro Cuore del Connecticut, dove Chiara Lubich, nel maggio del 1997, ricevette la laurea honoris causa in Lettere. Con i suoi sei mila studenti e 40 corsi di laurea è la seconda più importante università cattolica della costa atlantica. I responsabili dei Focolari, Marigen Lohla e Terry Gunn, durante la cerimonia di consegna del premio, hanno espresso il loro apprezzamento per il lavoro del professor Cernera nel campo educativo e nella conoscenza tra le religioni, come dimostra l’aver creato e sostenuto un centro per il dialogo fra ebrei e cristiani presso la sua università. Accetto questo riconoscimento con grande umiltà – ha dichiarato Cernera -, con la promessa che farò quanto possibile, sia in veste professionale che personale, per aiutare a far sì che la visione e il sogno dell’università Sophia (che verrà inaugurata a Loppiano, in Italia, il prossimo ottobre, ndr) divenga reale, per il bene dell’educazione cattolica e per il mondo. Coincidenza vuole che quest’anno ricorra il ventennale sia del Premio Luminosa sia della sua nomina come presidente dell’università. Il ruolo che riveste come responsabile della Federazione internazionale delle università cattoliche fa di lui un’autorità nel campo dell’istruzione superiore. Ne sono testimonianza i suoi numerosi studi e libri pubblicati. La ricerca dell’unità – ha aggiunto – è un imperativo. Come educatori abbiamo l’obbligo di camminare insieme per comprenderci l’un l’altro in un’atmosfera di rispetto reciproco. È infatti questo lo scopo dei Focolari nel campo educativo: superare la frammentazione del sapere e delle conoscenze delle discipline accademiche moderne.

I più letti della settimana

Casamicciola

Casamicciola: si poteva evitare

lutti

Lutti complicati

gioia

Gioia contagiosa

Simple Share Buttons