Un patto educativo globale: perché

Per la metà di ottobre, papa Francesco ha invitato in Vaticano i rappresentanti delle principali religioni, gli esponenti degli organismi internazionali e delle diverse istituzioni umanitarie, del mondo accademico, economico, politico e culturale. Insieme, in rappresentanza degli abitanti della Terra, sottoscriveranno il Global Compact on Education, un patto educativo globale, che ciascuno si impegnerà ad attuare nel proprio ambito e diffondere il più possibile. Abbiamo rivolto alcune domande a mons. Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’educazione cattolica, in prima linea per la promozione e il coordinamento dell’evento.
Educazione sessuale in famiglia

I più letti della settimana

Tonino Bello, la guerra e noi

Perché i focolarini non votano

Diario di un viaggio in Congo

Il voto cattolico interessa

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons