Tutto cambia

«Assisto con grande turbamento al fatto che le cose cambiano continuamente: dagli amici al lavoro, dai figli alla salute. Perché ho così paura del cambiamento?».  Sergio - Catania
Ghiacciaio

Una volta un giovane psicologo, incontrando una famosa psicoterapeuta, si sentì domandare da quest’ultima qual era, a suo avviso, l’istinto più profondo nella natura umana; il giovane psicologo le rispose senza pensarci troppo che era l’istinto di conservazione della specie, l’istinto di sopravvivenza e da qui l’istinto sessuale. La famosa psicoterapeuta scosse la testa in segno di disaccordo e precisò che il più profondo istinto umano era invece l’attaccamento alle cose familiari, perché molto forte è nell’uomo la paura del nuovo, dell’ignoto e del non conosciuto.

 

La buona notizia è che studi recenti di neuroscienze dimostrano che la salute mentale si realizza più facilmente se continuamente siamo esposti a tre sollecitazioni esistenziali, quali: la novità, l’arricchimento ambientale e l’esercizio fisico. Per cui è utile ricercare cose nuove e anche noi chiediamoci se per caso non temiamo il cambiamento, perché niente può avvenire senza trasformazione.

Se guardiamo alla condizione del nostro pianeta Terra, non possiamo non costatare che essa è impregnata di cambiamento: dall’alternarsi delle stagioni al clima mutevole, dallo scorrimento della placca terrestre alla formazione continua di continenti sempre diversi; insomma cosa c’è di più caro o familiare alla natura dell’universo? Noi stessi, se villeggiamo in aperta campagna lontano dalle comodità della città, possiamo forse prendere un bagno caldo se la legna non si trasforma in calore? È forse possibile nutrirsi se il cibo non si trasforma una volta ingoiato, oppure se non cambia per essere assimilato dal nostro organismo? E che altro, tra tutte le cose utili, può realizzarsi senza cambiamento? Per cui, anche la trasformazione corporea negli anni, la trasformazione ambientale sul lavoro, la trasformazione della propria famiglia con i figli che crescono o i nonni che muoiono è necessaria.

 

E anche la propria trasformazione è uguale a tutte quelle trasformazioni poc’anzi citate e ugualmente necessaria alla natura dell’universo. Per concludere a supporto di quanto detto finora, potrei scomodare la fisica e citare la seconda legge della termodinamica quando dice: «Nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma», e invece mi piace ricordare Buddha quando ripeteva spesso ai suoi discepoli: «Il cambiamento è l’unica cosa certa della vita».

pasquale.ionata@alice.it

I più letti della settimana

Se EDB chiude…

Vasco

Pensiero debolissimo, anzi no

La vita, la follia, la speranza

Gocce di Vangelo 21 ottobre 2021

Gocce di Vangelo 18 ottobre 2021

Simple Share Buttons