Tributo a Herbert Pagani

Una lunga fila di scarpe di diverse fogge ci ricorda uno dei tanti oggetti dai quali l’artista creava sculture. Così si apre Tributo a Herbert Pagani, uno strappo nel cielo. Lo spettacolo musicale di Giancarlo Nanni è soprattutto un atto d’amore verso un uomo (scomparso all’età di quarantaquattr’anni) che è stato artista poliedrico, specialmente musicista e cantante, con nell’anima la forza dell’amore e della vita. Come tale lo conoscevamo.Ma non sapevamo che egli è stato anche scultore, pittore, poeta e, a suo modo, politico. Ebreo della Libia, trasferitosi in Italia e infine in Francia, Pagani si impegnò per creare ponti di pace tra israeliani e palestinesi. Herbert era un raccoglitore di storie di temi sociali e poetiche quotidiane, che poi riportava nelle sue canzoni. Alcune di queste e altre cose ancora ci restituisce lo spettacolo multimediale di Nanni grazie alla presenza narrante di Manuela Kustermann, al canto di Miriam Meghnagi, e della sorella di Herbert, Caroline. Nella scena che riproduce lo studio milanese di Herbert, pieno di oggetti, mobili e carte, la Kustermann estrae da cassetti lettere e poesie, inedite; mentre su uno schermo scorre un bellissimo montaggio di immagini e disegni dell’artista con brevi interventi di personaggi come Sgarbi e Mollica. Quest’ultimo lo ricorda come uno che aveva sempre la porta del proprio cuore aperta a chi voleva entrare dentro. E questo omaggio di Nanni ha permesso anche a noi di affacciarci, con meraviglia, su quella soglia.

Leggi anche

I più letti della settimana

I miei segreti

Amazon, un fenomeno da conoscere bene

kung Küng

Hans Küng, l’arte del margine

Altri articoli

Con lo smartphone nei campi rom

In libreria

Gocce di Vangelo 17 aprile 2021

La scelta di Caparezza

Ripartiamo. Ok. Ma come?

Corridoi umanitari: una via sicura

Simple Share Buttons