Torna il Villaggio per la Terra per lo sviluppo sostenibile, relazionale e spirituale

Dal 21 al 25 aprile tornano le celebrazioni per l'Earth day, con il Villaggio per la Terra a Roma e a Torino e la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet. Intervista ad Antonia Testa, del Movimento dei Focolari. Il ministro dell'Ambiente Pichetto ha annunciato che tra settembre e ottobre a Roma si svolgerà l'evento internazionale Youth4Climate.
Presentazione delle celebrazioni per Earth day Italia: Villaggio per la Terra e maratona multimediale. Nella foto di Sara Fornaro da sinistra Antonia Testa, Agostino Inguscio, Gilberto Pichetto, Pierluigi Sassi.
Presentazione delle celebrazioni per Earth day Italia: Villaggio per la Terra e maratona multimediale. Nella foto di Sara Fornaro da sinistra Antonia Testa, Agostino Inguscio, Gilberto Pichetto, Pierluigi Sassi.

Dopo tre anni di pandemia, le celebrazioni per l‘Earth day, in Italia, torneranno in presenza: con il Villaggio per la Terra a Roma (inaugurato nel 2016 con la presenza di papa Francesco) e, per la prima volta, a Torino. Ma l’esperienza del lockdown ha insegnato che si possono raggiungere le persone anche nelle proprie case: ecco dunque che tornerà anche la maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet, con 16 ore di contenuti live dalla Nuvola di Fuksas a Roma, trasmessi in diretta su RaiPlay e in differita su Vaticannews.va.

I numeri, per questo ritorno in presenza, sono importanti: nel Villaggio per la Terra di Roma sono infatti previsti oltre 600 eventi, distribuiti tra il Galoppatoio e la Terrazza del Pincio a Villa Borghese. Al centro delle attività ci sono i 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, approfonditi attraverso altrettante piazze multimediali guidate da giovani universitari di diversi atenei, coordinati dall’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Numerose le attività per bambini e ragazzi, che potranno visitare il Parco Biodiversità dei Carabinieri Forestali; il Villaggio Sportivo con oltre 30 discipline curate da Federazioni, Associazioni e Gruppi Sportivi; il Villaggio della Scienza con ESA, CNR, INAF, CREA, ISPRA, INGV, ENEA, ARPA.

Tutte le attività presenti al Villaggio potranno essere fruite gratuitamente. Grazie al prezioso contributo delle Misericordie gli spazi della manifestazione saranno ancora più accessibili, inclusivi e sicuri per tutti i visitatori.

Al Villaggio sarà presente anche il Gruppo editoriale Città Nuova, con la festa di Teens, il giornale dei ragazzi – venerdì 21 aprile alle 11 nella piazza 17 del Galoppatoio – e con i laboratori per le scolaresche – dalle 14 alle 17  negli stessi spazi. Ci saranno i laboratori per i più piccoli con il giornalino Big bambini in gamba e i libri della collana I nuovi colori del mondo (sabato 22 aprile dalle 11.30 alle 13 nella Tenda dei bambini). Il 23 aprile dalle 12.30 alle 13.30 ci sarà la presentazione libro di Fabio Ciardi “Che artista il mio artista”, con la moderazione di Silvia Cataldi, nella piazza 17. Il 24 aprile, nella piazza 17, dalle 11 alle 12 si svolgerà il laboratorio della psicologa Cristina Buonaugurio; mentre dalle 15.30 alle 16.30 ci sarà la presentazione del libro di Fernando Muraca “Liberi di cadere liberi di volare”.

Ma cos’è il Villaggio per la Terra?
Lo abbiamo chiesto ad Antonia Testa dei Focolari, Movimento che ha promosso sin dalla sua nascita questa manifestazione insieme ad Earth day Italia.

«Il Villaggio per la Terra dimostra che lo sviluppo non è solo crescita economica, ma ha anche altre due dimensioni, quella socio-relazionale e quella spirituale, che tra di loro “sono in relazione moltiplicativa, non additiva”, come scritto da Stefano Zamagni. L’evento è il risultato della sinergia di centinaia di associazioni dedicate, su fronti diversi, alla crescita della società intesa in senso universale, ma capace di salvaguardare soprattutto il benessere delle future generazioni. Le 17 Piazze del Villaggio – spiega Antonia Testa – sono la dimostrazione del metodo per affrontare i punti descritti dall’ONU: i diversi temi – come il lavoro, la povertà, la pace, la tutela del mare, la crescita economica, l’istruzione, la parità di genere, il dialogo tra religioni e culture – non possono essere affrontati in modo separato, in una lettura verticale e “monotematica”: tutto è connesso, come dice Papa Francesco nella Laudato si’».

Nel corso delle 5 giornate saranno approfonditi alcuni punti chiave dell’Agenda 2030 dell’Onu: la giustizia e la pace, la dignità e l’uguaglianza delle persone, il rispetto e la protezione dell’ambiente, la capacità degli uomini di interagire per il bene comune.

«Le celebrazioni italiane dell’Earth Day hanno caratteristiche uniche perché nascono da una storia unica. Storia d’incontro e di dialogo con centinaia di organizzazioni, che negli anni, insieme al Movimento dei Focolari, abbiamo imparato ad accogliere e valorizzare. Crediamo – afferma Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia – che il nostro vero lavoro sia proprio questo: creare ponti tra persone, tra organizzazioni, tra Paesi, che hanno davvero tanto da dire e da dare ma che a volte solo nel nostro evento trovano l’occasione giusta per iniziare a lavorare insieme. Penso che non esista antidoto migliore contro un’economia predatoria che rischia ogni giorno di più di mortificare, a volte irreparabilmente, uno sviluppo umano e civile davvero pieno e orientato alla felicità di tutti».

Conferenza stampa di presentazione delle celebrazioni per l'Earth day, foto di Sara Fornaro
Conferenza stampa di presentazione delle celebrazioni per l’Earth day, foto di Sara Fornaro

«L’Earth Day in Italia – ha dichiarato Kathleen Rogers, presidente mondiale di Earth Day Network – è la dimostrazione tangibile di come l’impegno della società civile possa fare la differenza. In questo momento tutte le forze del nostro network globale stanno lavorando perché l’educazione climatica venga garantita ad ogni livello e in ogni luogo sulla Terra, come chiave per una società più giusta e prospera. E ancora una volta l’Italia rappresenta una buona pratica con i suoi passi avanti in campo educativo. La nostra richiesta è di avere l’alfabetizzazione climatica come priorità della prossima COP28 di Dubai, con il supporto del vostro splendido Paese».

«Dopo Roma – spiega Alessandro Armillotta, CEO di AWorld – anche Torino diventerà protagonista, con la creazione di una grande festa gratuita aperta a tutti. Nel cuore della città, ai Giardini Reali e alla Cavallerizza, porteremo talks, workshop, performance, giochi, attività immersive e food sostenibile con il Villaggio per la Terra ed un evento serale dedicato alla musica, il Concerto per la Terra. Il lavoro richiesto per raggiungere gli obiettivi previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite è ancora molto. Ma crediamo fortemente che il coinvolgimento di tutte/i noi, cittadini/e, istituzioni, settore pubblico e privato, possa realmente innescare un cambiamento positivo nelle persone e fare la differenza».

Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, presente alla conferenza stampa, ha confermato l’impegno del governo per l’ambiente; e ha annunciato che in autunno, per un mese, tra settembre ed ottobre, a Roma si svolgerà Youth4Climate.  L’evento vedrà i giovani al centro di un’esperienza stimolante, nel corso della quale saranno premiati e finanziati i loro progetti più innovativi, per renderli protagonisti nella ricerca di soluzioni per affrontare la crisi climatica.

_

Sostieni l’informazione libera di Città Nuova! Come? Scopri le nostre rivistei corsi di formazione agile e i nostri progetti. Insieme possiamo fare la differenza! Per informazioni: rete@cittanuova.it

_

 

I più letti della settimana

Perché i focolarini non votano

Ti amo come sono stato amato

Edicola Digitale Città Nuova - Reader Scarica l'app
Simple Share Buttons