The way back

Il film è uno dei racconti di “ritorno alla libertà” più belli che il cinema ultimamente ci abbia offerto.
Una scena del film

Ispirato al libro Tra noi e la libertà di Slavomir Rawicz, il film è uno dei racconti di “ritorno alla libertà” più belli che il cinema ultimamente ci abbia offerto. Una notte del 1940 sette prigionieri scappano da un gulag siberiano. Inizia l’avventura attraverso un territorio ostile fino al Tibet e in India, per ritornare a casa. Il viaggio è il percorso di ciascun personaggio dentro sé stesso per giungere ad essere libero. Li guida un giovane polacco la cui “gentilezza” dà coraggio alla delusione, alla paura, alla disperazione, alla stessa morte. Recitato con pregnante partecipazione in dialoghi scarni e precisi, il film merita di essere visto.
Regia Peter Weir; con Jim Sturgess, Ed Harris, Saoirse Ronan, Colin Farrell.
 
Valutazione della commissione nazionale film: consigliabile, problematico (prev.).

I più letti della settimana

Eichmann

Eichmann e la banalità del male

Beato Livatino

Il giudice ragazzino “vive” ancora

Esercizi di… radicamento

Simple Share Buttons