Tempo per generare

«A peste, fame et bello libera nos, Domine». In questa antica invocazione Romano Prodi, qualche settimana fa, ha condensato l’affanno del tempo presente: «Liberaci, Signore, dalla peste, dalla fame e dalla guerra». «Sono capitate tutte», ha soggiunto – la pandemia del Coronavirus, i cui danni sociali e psicologici sono ancora difficili da calcolare; la fame che, ignorata quasi del tutto dalle nazioni benestanti, attanaglia la vita del 12 per cento della popolazione mondiale; la guerra in Ucraina che, pur nella sua ferocia e gravità, è appena uno dei 169 conflitti violenti che papa Francesco chiama la “terza guerra mondiale a pezzi”. 

Scarica l’articolo in pdf /

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Per visualizzarlo effettua il login

Non sei un utente abbonato?

I più letti della settimana

Vivere, connessi, per un Mondo Unito

Chiara Lubich e Simone Weil

Ma quanto siamo fragili!

Curdi senza protettori

Simple Share Buttons