Teens, premiata l’originalità

La rivista Teens, scritta dai ragazzi per i ragazzi, vince un premio a Chiavari (Ge). Un'occasione di conoscenza e dialogo con altri periodici
Anna Lisa Innocenti, caporedattrice di Teens, e la scrittrice Annalisa Strada, della giuria.

Una cerimonia semplice per un riconoscimento inatteso. Teens ha ricevuto una menzione speciale del Premio Nazionale “Città di Chiavari”, l’unico in Italia dedicato ai periodici per ragazzi. Teens, realizzato dal Gruppo editoriale Città Nuova in collaborazione con i Ragazzi per l’unità dei Focolari, è stato premiato per le migliori interviste e per lo spazio riservato alla scrittura dei ragazzi. Una peculiarità, quest’ultima, che caratterizza la rivista nel panorama nazionale. «Sono soddisfatta di questo premio – scrive Agnese Riberi della redazione –, lavoriamo molto duramente, credo che ce lo siamo meritati. È una conferma che quello in cui crediamo è giusto». «Ho pensato subito: “Wow! Teens sta diventando conosciuto – ha detto Gabriele Puorto, anche lui della redazione –. Se riceve premi del genere, è giusto continuare a scrivere, facendo, ognuno nel suo piccolo, la propria parte per mantenere accesa una realtà come questa».

Vincitori del premio 2016 sono stati Mondo Erre e Dimensioni nuove. Altre menzioni speciali per Dada, Messaggero dei ragazzi, Graffiti, Ragazzi e Domenica Net. Alla consegna del premio, promosso dal Comune di Chiavari e dall’associazione ligure Letteratura Giovanile, era presente il sindaco, ing. Roberto Levaggi. La giornata, coordinata dal prof. Angelo Nobile, docente di Letteratura per l’infanzia e l’adolescenza e di Pedagogia della lettura e della letteratura giovanile all’Università di Parma, è stata anche occasione di dialogo tra la giuria, i rappresentanti del Comune e i premiati. Si è parlato di abbonamenti, delle sfide della sostenibilità, di illustratori e giornalisti con stili adatti alle varie età, di cartaceo e web, di promozione. Dai responsabili delle riviste è nata l’idea di valutare se non convenga mettersi in rete. Più che vederci come concorrenti, meglio valutare se l’unione (e meglio la collaborazione) possa essere una forza. E così dare continuità al premio che vuole far conoscere, sostenere e diffondere la stampa periodica per ragazzi più attenta alla dimensione formativa, informativa e ludico-ricreativa.

Leggi anche

I più letti della settimana

Altri articoli

Il burek

Simple Share Buttons